Henkel Innovation Challenge 2014, i vincitori della finale

Il 3 aprile scorso si è disputata la finale internazionale dell’Henkel Innovation Challenge, giunto quest’anno alla sua settima edizione. La competizione, rivolta a studenti e ricercatori universitari, ha come obiettivo la scoperta di nuovi prodotti e tecnologie innovative e sostenibili su cui puntare per il futuro. La proclamazione dei vincitori si è svolta a Düsseldorf, in Germania, e ha visto la partecipazione di team provenienti da ogni parte del mondo.

L’Italia ha partecipato al concorso con Dusty the Super Hero, un aspirapolvere a risparmio energetico altamente innovativo realizzato in alluminio. Il dispositivo è in grado di rimuovere la polvere ancor prima che si depositi sulle superfici di casa, permettendo di risparmiare sull’energia e sui prodotti per la pulizia degli ambienti domestici. Il team italiano, composto da Francesca Conte Rosito e Alessia Nigro, due studentesse dell’Università Bocconi di Milano, è riuscito a piazzarsi nella rosa degli otto finalisti.

Ad aggiudicarsi il primo premio quest’anno è stato il team croato che ha trionfato su altre 20 squadre provenienti da 30 diversi Paesi del mondo. Il progetto premiato, denominato H Design, consiste in un rivoluzionario prodotto per lo styling dei capelli. I consumatori del 2050 potranno creare il proprio look grazie a una applicazione. Gli ideatori di H Design, Daren Perincic e Dominik Benger, studenti afferenti al Rochester Institute of Technology Croatia, riceveranno in premio un viaggio intorno al mondo del valore di 10 mila euro e potranno incontrare il CEO di Henkel Kasper Rorsted, insieme agli studenti che si sono posizionati al secondo e al terzo posto. I due non nascondono il loro entusiasmo per questo importante riconoscimento:

Abbiamo entrambi una grande passione per lo sport e amiamo le sfide. Non mi sarei mai aspettato di vincere questa grande competizione. La parte migliore di questi tre giorni è stata l’atmosfera internazionale. Ho incontrato tante persone fantastiche che non dimenticherò mai.

Al secondo posto si è classificato il progetto “AOK Allure”, realizzato da Jasim Polin e Sarah Mustafa, afferenti al team del Qatar. Sviluppato alla Carnegie Mellon University, AOK Allure è il prototipo di un innovativo prodotto per la cura della pelle programmabile tramite un software. In questo modo è possibile rispondere alle diverse esigenze di nutrimento e idratazione dell’epidermide e sfruttare sostanze intelligenti.

Al terzo posto si sono classificati Geetika Goel e Mayank Nandwani, due studenti indiani della Facoltà di Management di Delhi. I due hanno inventato eCoat, un rivestimento sostenibile da utilizzare nell’industria automobilistica.

8 aprile 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento