La festa di Halloween si avvicina e, sebbene la ricorrenza sia d’origine anglosassone, sempre più famiglie italiane celebrano la Notte delle Streghe. Anche e soprattutto in compagnia dei più piccoli, poiché destinatari di una delle consuetudini più divertenti della tradizione: quella del “dolcetto o scherzetto”. Non sempre, però, caramelle e snack offerti ai più piccoli possono considerarsi pienamente salutari: tra prodotti confezionati e altri ricchi di zuccheri, quella di Halloween rischia di trasformarsi in una festa non sempre amica dell’organismo. Perché, allora, non proporre ai bambini dei gustosi dolci fatti di frutta, salutari e possibilmente creati con le proprie mani?

Realizzare dei dolcetti a base di frutta è molto semplice, anche per chi non disponesse di grandi competenze in cucina. Di seguito, qualche idea da cui prendere spunto: il segreto, infatti, è lasciare fluire la creatività.

Zucche e pupazzetti

Il modo più semplice per attirare la curiosità dei bambini, soprattutto i più restii dall’accantonare momentaneamente le classiche caramelle per la più salutare frutta, è quello di proporre dei piatti che stimolino la loro fantasia. Fortunatamente, con un po’ di manualità qualsiasi frutto può essere trasformato in un simpatico pupazzetto, da offrire durante il 31 ottobre.

Si parte con la tradizionale zucca, uno dei simboli universali di Halloween. Per riprodurne le forme, si può optare per frutta dalla polpa gialla o arancione, quali albicocche o pesche. È sufficiente tagliare a metà il frutto, per rimuovere il nocciolo, dopodiché tagliare ulteriormente le due parti a fettine sottili. A questo punto, si ricava dalla polpa il profilo di una zucca e, per presentarla, si inserisce la figura ottenuta su uno stuzzicadenti lungo da cucina. Qualora si preferisse la frutta di stagione, anziché albicocche e pesche, è possibile ottenere buoni risultati anche con mele e pere.

=> Scopri la storia della zucca di Halloween


Un’altra idea originale deriva dai kiwi, perfetti per realizzare dei piccoli mostriciattoli verdi. Si tagli un kiwi a metà, così da ottenere due parti identiche: la sezione tagliata servirà come base d’appoggio per il mostriciattolo. Dopodiché si rimuova la buccia, lasciandone però una parte irregolare all’estremità: questa rappresenterà i capelli del mostro. Dopodiché, con delle gocce di cioccolato o dello zucchero di canna, si potranno ricreare bocca e occhi, poggiandoli direttamente sulla polpa verde.

Un progetto velocissimo, e di sicuro impatto, vede quindi l’impiego di arance e mandarini. Proprio per il colore che ricorda una zucca, sarà sufficiente rimuovere parte della buccia fino a ricreare una piccola Jack-O’-Lantern, ovviamente con un intaglio che non sia troppo profondo per non intaccare gli spicchi interni del frutto. La membrana bianca, quella che separa la frutta dagli stessi spicchi, rimanderà un effetto illuminante, come se arance e mandarini contenessero al loro interno un lumino. In alternativa, la buccia può essere semplicemente dipinta.

Fantasmi e ragnetti

Durante la festa di Halloween non possono di certo mancare i fantasmi, i protagonisti assoluti della notte più spaventosa dell’anno. E, anche in questo caso, la frutta ben si presta a una loro riproduzione.

=> Scopri verdura, frutta e fiori per Halloween


Si tagli a metà una banana e, premendo leggermente con l’aiuto di un cucchiaio, si appiattisca leggermente l’estremità più vicina al taglio, senza però distruggere il frutto. Si dovrà ottenere una forma svasata, dove l’estremità intatta rappresenterà la testa del fantasma e quella più appiattita il suo grande lenzuolo. Nel frattempo, si stenda su un piatto un velo sottile di scaglie o granella di cocco e, con l’aiuto delle mani, si faccia rotolare delicata la banana affinché il cocco stesso rimanga adagiato alla superficie. Con delle gocce di cioccolato si creeranno gli occhi e, infine, il fantasmino ottenuto potrà essere adagiato su un comune stecco di legno da gelato.

Per i bambini più coraggiosi, infine, si potrà approfittare dell’uva per ottenere un simpatico ragnetto. Su un piattino di colore bianco, oppure arancione affinché sia a tema con la festa, si stendano quattro strisce di cioccolato fuso: queste costituiranno le zampe del ragno. Prima che il cioccolato solidifichi, si adagi al centro delle quattro strisce un chicco d’uva verde, affinché si ottengano otto zampe, due per lato. Infine, si realizzino gli occhi sempre approfittando di un paio di gocce di cioccolato o di crema di nocciola. In alternativa all’uva, si può optare per le fragole.

23 ottobre 2016
Lascia un commento