La festa di Halloween si sta avvicinando e, come ormai moda negli ultimi tempi, anche cani e gatti saranno protagonisti. Non è sempre una buona idea, però, acconciare Fufi e Fido con maschere e costumi a tema.

Evento tradizionale degli Stati Uniti, da poco meno di un decennio Halloween ha conquistato anche lo Stivale: le serate dedicate all’horror si moltiplicano, ci si veste con travestimenti tra il simpatico e il terrificante e anche il “dolcetto o scherzetto” è diventato una consuetudine tricolore. In questa giornata di spensieratezza, sono sempre più i proprietari che decidono di coinvolgere cane e gatto nei festeggiamenti. E, sebbene già in un precedente intervento si sono specificate quali siano le regole per un Halloween a quattro zampe, è il caso di concentrarsi sui costumi. Abbellire il proprio cucciolo non è necessariamente un’idea malsana, tuttavia è necessario seguire delle specifiche norme per garantire serenità e sicurezza all’animale. Ecco alcuni consigli stilati da PawNation:

  • Taglia e forma: un costume di Halloween per cane e gatto dovrebbe considerare la precisa silhouette dell’animale. Non deve essere d’intralcio alla deambulazione, non deve coprire il viso, rendere complessa l’espletazione dei bisogni fisiologici o aumentare troppo la temperatura. Ci si affidi unicamente a pettorine e indumenti simili, sempre che l’esemplare sia abituato a portarli;
  • Colore: se l’abbigliamento dell’animale non è pensato unicamente per l’uso domestico, è utile scegliere una tinta molto accesa. Questo perché nella ressa di un evento pubblico o di una festa a casa di estranei potrebbe essere molto difficile ritrovare l’animale, soprattutto qualora fuggisse dal controllo dei proprietari per scorrazzare in giardino o per la strada;
  • Sicurezza: il costume, sia esso autoprodotto o acquistato, va adeguatamente controllato prima di vestire l’animale. Bisogna verificare la resistenza dei bottoni, affinché non si stacchino e l’esemplare li possa ingerire, e testare cuciture e zip, così che non siano possibile veicolo per ferite o traumi. Si preferiscano tessuti come il cotone, difficili da strappare, mentre si evitino pellicce sintetiche e fibre in evidenza, perché l’animale potrebbe ingerirle leccandole;
  • Abitudine: solo cani e gatti che hanno già familiarità con cappottini e pettorine dovrebbero indossare un costume di Halloween, per gli altri è meglio evitare. La novità è sempre fonte di stress. Se proprio il desiderio fosse incontenibile, ci si deve attrezzare con almeno 15 giorni d’anticipo per analizzare la risposta dell’esemplare al costume. Qualora non dimostrasse particolari turbe, l’abito va indossato almeno 30 minuti al giorno per le due settimane antecedenti all’evento;
  • Durata: un animale domestico non dovrebbe mai indossare abiti o costumi per troppo tempo. Non vi sono intervalli di riferimento precisi – ogni cane e ogni gatto reagirà in modo diverso – ma si limiti comunque la durata al tempo necessario per scattare qualche fotografia, girare un simpatico video o accogliere gli ospiti;
  • Opportunità: la regola forse più importante, è necessario vagliare a fondo l’opportunità di coinvolgere cani e gatti nei festeggiamenti, anche dal punto di vista estetico. Per quanto divertente e irresistibile, non si può fare a meno di sottoporre l’animale a quella che potrebbe essere una tortura? E, ancora, il carattere del nostro amico a quattro zampe è compatibile con i momenti di festa? Ne vale davvero la pena?

11 ottobre 2013
Fonte:
Lascia un commento