Guida detersivi ecologici

Produrre e creare detersivi ecologici fatti in casa è una pratica interessante, economica e rispettosa dell’ambiente. Il concetto e la filosofia della produzione fai da te, con un impatto pari a zero e sia sostenibile, è molto affascinante oltre che utile. Negli ultimi anni, complice la crisi pressante, in molti hanno scelto la via dell’acquisto mirato ed ecologico. Ma un numero crescente di persone ha optato per la realizzazione casalinga, sfoderando trucchi e regole del passato. Magari imparate dalla mamma o dalla nonna, quando i pochi mezzi e la necessità acuivano l’ingegno. Creare detersivi ecologici e mettere in pratica tecniche e trucchi facili, e poco invasivi, è la risposta per una casa pulita in modo sano e rispettoso.

Prodotti in commercio e spillatura

In commercio è facile acquistare detersivi ecologicamente compatibili con una filosofia più green e sana. Articoli che contengono ingredienti naturali, semplici e di origine vegetale. Sgrassatori, articoli per bucato e per piatti, ammorbidenti, detergenti per tende e vetri, brillantati e detersivi per pavimenti, tutto ciò che può essere utile per una casa pulita e fresca. Spesso i flaconi contengono sostanze concentrate di lunga durata, preferibilmente diluibili in acqua. Solitamente sono prodotti ecologici non testati sugli animali, di origine vegetale e quindi non inquinanti.

Il problema dei prodotti di uso comune è proprio il loro impatto negativo sull’ambiente, a partire da un uso eccessivo all’interno della propria abitazione. Un largo uso di prodotti chimici, detersivi e spray può favorire una predisposizione verso allergie e malattie respiratorie. In molti casi, infatti, alcuni prodotti possono scatenare reazioni cutanee, oppure irritazioni alla gola. Inoltre l’eliminazione attraverso gli scarichi può agire sulla falda acquifera e, in molti casi, sui terreni nei quali spesso vengono scaricati. Un altro problema è legato allo smaltimento dei contenitori, spesso di plastica riciclabile ma di complessa eliminazione. Infatti scegliere un prodotto ecologico, magari una semplice ricarica, incide positivamente con un impatto inferiore sullo smaltimento.

Le aziende che forniscono prodotti ecologici e naturali per la pulizia sono in aumento, sia attraverso acquisti online che tramite la grande distribuzione. Molti i marchi monotematici facilmente reperibili, ma da qualche anno è possibile rivolgersi all’acquisto tramite spillatura. Definiti detersivi alla spina sono recuperabili attraverso distributori presenti in grandi centri commerciali, oppure negozi a tema bio. Spesso la loro produzione deriva dalla filosofia della filiera corta, quindi da produzione locale e con ingredienti naturali e biologici.

Detersivi fai da te

Per abbattere totalmente l’utilizzo di prodotti inquinanti e di contenitori difficilmente eliminabili, è possibile produrre il tutto in casa. Gli ingredienti per una buona pulizia sono pochi, facilmente recuperabili e naturali. E spesso l’esperienza dei nostri nonni, tramandata di generazione in generazione, è l’arma migliore per un prodotto utile e sostenibile. Solitamente i detersivi necessari per una casa pulita sono pochi: un detersivo per i piatti, un detersivo per il bucato, uno sgrassatore, un igienizzante multiuso per pavimenti e superfici varie. Spesso gli ingredienti base sono l’aceto, l’acido citrico, il bicarbonato, l’alcol denaturato, l’acqua calda e il sapone di Marsiglia. L’acido citrico, in particolare, è un’arma multiuso potentissima del tutto naturale perché deriva dal limone. Ma è presente anche nell’arancia, in quasi tutta la frutta, nei legni, nei funghi, nel tabacco, nel vino e persino nel latte. è un anticalcare d’eccellenza facilmente recuperabile in commercio in versione anidro puro e monoidrato, ma si può utilizzare in lavatrice come ammorbidente e disincrostante, e in lavastoviglie come brillantante.

Per un anticalcare a base di acido citrico versate in uno spruzzino vuoto 15% di acido citrico (150 grammi di acido citrico in un litro d’acqua, meglio se distillata e tiepida). Aggiungete poche gocce di olio essenziale biologico, agitate e spruzzate sulla superficie incrostata. Lasciate agire qualche minuto, quindi ripassate con una spugna. Per lavare i panni a mano o in lavatrice sciogliete un sapone di Marsiglia 100% vegetale in acqua calda, 50gr per 5 litri di acqua se il bucato è a mano oppure 80 gr per 5kg di bucato in lavatrice. Potete versarlo nell’apposita vaschetta oppure direttamente nel cestello. Per l’ammorbidente, prima del risciacquo finale, è possibile aggiungere un bicchiere di aceto bianco nella vaschetta del detersivo. O ancora un pugno di sale da cucina sciolto in acqua tiepida, da versare anche direttamente nel cestello.

Per un buon detersivo per i piatti procuratevi 3 limoni, 400ml di acqua, 200 gr di sale, 100 ml di aceto bianco. Tagliate i limoni a rondelle, quindi eliminate tutti i semi. Frullateli a immersione con il sale e poca acqua, il risultato dovrà essere privo di filamenti e molto cremoso. Versate il tutto in una pentola con l’aceto bianco e l’acqua rimanente, lasciate bollire per 10 minuti a fuoco lento mescolando perché non si attacchi. Quando il tutto risulterà più denso frullatelo nuovamente e versatelo in un vasetto di vetro. Si può utilizzare in lavastoviglie, 2 cucchiaini, oppure per lavare i piatti a mano. Se necessario è possibile mescolarlo con poche gocce di detersivo ecologico, in caso di piatti molto unti.

Per pulire pavimenti o vetri un valido alleato è l’aceto mescolato con acqua calda. Ma anche l’alcol denaturato con l’acqua calda è utile e disinfetta perfettamente. Il bicarbonato invece è perfetto per eliminare gli odori e sgrassare, è possibile creare uno spruzzino sciogliendolo in acqua. Uno spruzzatore mediamente contiene mezzo litro, quindi la quantità massima di bicarbonato che vi si può sciogliere è 48 g. Si agita il tutto e lo si può utilizzare per pulire l’interno del frigorifero, i taglieri, igienizzare il lavello, i sanitari e le superfici lavabili. Infine per pulire le tubature, anziché utilizzare prodotti chimici estremamente aggressivi, si può risolvere tutto con un prodotto casalingo. Mescolate 150 gr. di sale da cucina con 150 gr. di bicarbonato di sodio o Soda da bucato (soda Solvay), quindi versate nello scarico seguito subito da una pentola da 5 litri di acqua bollente. L’acqua calda aiuterà l’azione disincrostante immediata, garantendo uno scarico libero e pulito.

Trucchi e consigli

Per profumare è possibile aggiungere poche gocce di oli essenziali di origine vegetale. Lo stesso tipo di provenienza indispensabile per il sapone di Marsiglia, il quale dovrà presentare la certificazione dell’INCI e la presenza del Sodium Olivate come ingrediente base per il sapone all’olio di oliva. Spesso i saponi in commercio, per il viso, il corpo e il bucato, contengono il Sodium Tallowate o meglio conosciuto come sego bovino. Si tratta del grasso saponificato ottenuto dagli scarti di macellazione, quindi un grasso animale.

Un piccolo trucco per i capi scuri in lavatrice è quello di utilizzare l’acqua di cottura dei carciofi, ribollita e filtrata, insieme al sapone di Marsiglia. Invece per mantenere i capi bianchi si può mescolare l’acqua di cottura dei legumi, ribollita e filtrata, sempre al sapone. Per pulire i vetri si possono utilizzare le pagine dei quotidiani: dopo aver disinfettato con acqua e aceto le si asciuga passando la carta appallottolata. Per profumare l’aria si può versare del bicarbonato in una piccola bacinella, o della polvere di caffè mischiata a poco aceto. Infine è indispensabile rammentare sempre l’importanza fondamentale dell’acqua calda, alleata numero uno per detergere, disinfettare e pulire ogni angolo della casa.

29 novembre 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Rosa, sabato 28 giugno 2014 alle16:59 ha scritto: rispondi »

Cerco di usare il più possibile prodotti naturali

Lascia un commento