Venerdì 5 giugno è stata presentata presso la Cascina Triulza, sede della società civile a Expo 2015, la Guida Blu 2015 intitolata “Il mare più bello” a cura di Legambiente e Touring Club Italiano.

All’interno della Guida Blu le località marine e lacustri in cui si è scommesso sulla buona gestione del territorio, su servizi d’eccellenza, sulla conservazione e manutenzione dei centri storici e su un’offerta enogastronomica di alto livello.

Si tratta di Comuni che hanno puntato sulla qualità per superare la crisi, dimostrando come proprio quest’ultima possa essere lo stimolo per cambiare le proprie politiche di gestione verso la sostenibilità. Angelo Gentili, Responsabile Turismo di Legambiente, spiega:

Le località premiate oggi a Expo rappresentano l’eccellenza italiana nel senso più alto del termine. Per questo abbiamo voluto portarle all’esposizione universale: perché simboleggiano il meglio dell’offerta turistica, della cura dei centri storici e dell’offerta enogastronomica.

Una guida completa, che rende conto anche dei primi 10 comprensori turistici ai quali puntare per una vacanza sostenibile. Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente, commenta così la sua importanza:

La Guida Blu è ormai un must dell’estate, uno strumento utile e piacevole che precede e accompagna le nostre vacanze, permettendoci di pianificare e personalizzare le scelte e gli itinerari di viaggio sulla base di indicazioni che solo “Il mare più bello” può offrire: le località più attente alla sostenibilità ambientale, alla vivibilità e al rispetto del territorio. I luoghi più belli del Paese dove vivere, a prezzi contenuti, un’esperienza piacevole all’insegna della qualità e dell’efficienza turistica.

Le 5 vele sono state assegnate a 16 località marine e a 6 lacustri, ecco la classifica:

Italia peninsulare e grandi isole

  1. Castiglione della Pescaia (GR) – in Toscana. Al top grazie alla sua consolidata politica di valorizzazione e tutela del territorio, ma anche grazie alle iniziative di coinvolgimento e responsabilizzazione dei cittadini sul tema sia dei rifiuti, che della mobilità e del turismo.
  2. San Vito lo Capo (TP) – in Sicilia. Al secondo posto per la grande attenzione posta in favore di una corretta fruizione del patrimonio naturale che ha permesso di educare i turisti alla consapevolezza e al rispetto.
  3. Pollica Acciaroli e Pioppi (SA) – terze grazie al loro impegno per la valorizzazione della Dieta Mediterranea e per la ricerca nell’innovazione.
  4. Posada (NU) – Comune sardo che si è impegnato per una mobilità più sostenibile e per la riforestazione della sua superficie.
  5. Vernazza (SP) – una delle “Cinque Terre”, famosa per gli scorci sul mare, visibili dai vicoli e dai sentieri che caratterizzano il borgo recentemente recuperato dopo la terribile alluvione del 2011.
  6. Otranto (LE) – località che si è fatta riconoscere per i risultati ottenuti in tema di mobilità dolce e razionalizzazione dei consumi.
  7. Domus de Maria (CA)
  8. Capalbio (GR) – che rientra in classifica.
  9. Meledugno (LE)
  10. Baunei (OG)
  11. Maratea (PZ)
  12. Bosa (NU)
  13. Polignano a Mare (BA) – new entry per il 2015.
  14. Rocella Jonica (RC)
  15. Camerota (SA) – rientra dopo che nel 2001 aveva avuto il massimo riconoscimento.

Tra le isole minori, a fare da sedicesima località, Santa Marina Salina (ME) la prima e l’unica isola a raggiungere il traguardo delle 5 vele.

Si vede come sia ancora la Sardegna la regione al top, avendo 4 località a 5 vele, segue la Puglia con 3. Rimane il Tirreno comunque il mare che si aggiudica in maggior numero di vele. Si trovano qui la maggior parte delle località dove godere di una vacanza di qualità all’insegna della bellezza e dell’accoglienza.

A Ostuni (Br) le 5 vele sono state di recente revocate a causa della decisione di dar vita ad un grosso insediamento extra-lusso in una zona di pregio. Così di recente che il suo nome nella guida è rimasto tra le 5 vele sebbene ora ne abbia 4.

Località lacustri

  1. Lago di Molveno, Molveno (TN)
  2. Lago di Monticolo, Appiano sulla strada del Vino (BZ)
  3. Lago di Fiè, Fie allo Sciliar (BZ)
  4. Lago di Avigliana Grande, Avigliana (TO)
  5. Lago di Como, Bellagio (CO)
  6. Lago dell’Accesa, Massa Marittima (GR)

8 giugno 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento