Guardare video di cani e gatti fa bene alla salute

Non è di certo una sorpresa: cani e gatti sono i campioni indiscussi dei social network. Non vi è conversazione virale che non veda protagonista un quadrupede, tanto che si stima ben il 15% di tutti i filmati presenti online sia dedicato proprio a un animale domestico. Su YouTube, ad esempio, sono disponibili più di 2 milioni di video di gatti, visualizzati 25 miliardi di volte, per una media di 12.000 video ciascuno. Non solo un fatto d’intrattenimento, poiché una ricerca ha dimostrato come la visione possa fare bene alla salute.

È quanto emerge da una survey condotta da Jessica Gall Myrick, dell’Università dell’Indiana, in merito all’attrazione che gli utenti online sembrano dimostrare nei confronti di cani e gatti. Per farlo, ha elaborato un questionario online, con più di 7.000 intervistati. Dai risultati, è emerso innanzitutto come la visione di filmati con protagonisti cani e gatti influenzi positivamente le emozioni e il benessere psichico del campione, probabilmente poiché la fruizione stimola gioia, relax e riduce lo stress.

=> Scopri come cani e gatti battono i bambini al supermercato


Non è però tutto, poiché per chi già possiede o ha intenzione di accudire un quadrupede, ma anche fra coloro che si lanciano in opere di volontariato animale, gli effetti dei video sono ben più evidenti. In media, gli appassionati tendono a passare più ore online, sono più rilassati, timidi ed emozionalmente equilibrati. Il consumo delle clip può essere passivo, ovvero quando si incontra casualmente un video durante la normale navigazione, oppure attivo: l’utente, in questo caso, ricerca esplicitamente questo tipo di contenuti.

=> Scopri come cani e gatti migliorano la salute


In generale, gli intervistati si dichiarano soddisfatti e felici, nonché più energici rispetto alla media, quindi si sospetta che la soddisfazione derivata possa avere delle conseguenze dirette sulla salute, ad esempio innalzando i livelli di serotonina o altri ormoni utili al sistema immunitario. Così come la stessa ricercatrice afferma, questa ricerca preliminare non è però sufficiente per accertare l’effettivo ruolo dei video di cani e gatti, poiché servirà uno studio a livello scientifico, con un adeguato gruppo di controllo.

8 gennaio 2018
Fonte:
Lascia un commento