Guardare la TV oltre 2 ore al giorno accorcia la vita, lo studio UK

Lo stile di vita è sempre più preso in considerazione dalle ricerche scientifiche attuali. Anche il tempo trascorso a guardare la TV costituisce una di quelle abitudini che gli ultimi studi valutano, per comprendere quanto possa incidere a livello negativo sullo stato di salute individuale.

Una ricerca dell’Università di Glasgow è giunta alla conclusione che più di 2 ore e 12 minuti al giorno trascorsi a guardare la TV possono aumentare il rischio di incorrere più facilmente nella morte prematura. Tutto ciò può essere comprensibile considerando che anche guardare la TV fa parte di uno stile di vita sedentario che mette a rischio il nostro benessere psicofisico.

=> Leggi i danni per i bambini con oltre 2 ore al giorno di TV e tablet

I ricercatori hanno tenuto conto di varie abitudini negative come il fumo, l’eccesso di alcol e l’alimentazione sregolata. Sono giunti alla conclusione che fra queste abitudini negative dello stile di vita rientra anche il guardare la TV in maniera eccessiva.

Le abitudini di vita sedentarie possono portare a un maggior pericolo delle patologie che mettono a dura prova il sistema cardiovascolare. Ecco perché guardare la TV per un tempo prolungato rientra in uno stile di vita assolutamente non consigliabile che dovrebbe essere modificato.

=> Scopri perché la TV aumenta del 35% il rischio di tumore al colon negli uomini

Gli esperti sono sempre più convinti che la vita sedentaria dovrebbe essere ridotta ai minimi termini, sostituendola con uno stile di vita più salutare, che comporta anche la pratica regolare di esercizio fisico. Sempre più studi giungono alla conclusione che basta anche una semplice passeggiata per ridurre il rischio di morire prematuramente. Anche questa ricerca scientifica si basa sulla scia di questi altri studi. I ricercatori di Glasgow hanno dichiarato:

Una percentuale elevata di decessi è dovuta a fattori modificabili e quindi evitabili. Su questo dovrebbe puntare l’intervento della sanità pubblica.

21 novembre 2018
Lascia un commento