Grow Box: cos’è, come farla

Una grow box è un ambiente di crescita per le piante completamente autonomo: consente lo sviluppo di vegetali di diversa natura esattamente come avverrebbe in un giardino, essendo tuttavia un ambiente controllato e dalle dimensioni contenute ha delle necessità particolari.

La grow box imita tutti gli elementi che in natura permettono la crescita dei fiori, delle piante verdi e anche degli ortaggi. Si avvale in genere del sistema della coltura idroponica, una tecnica pulita e di facile gestione. La coltivazione garantisce il controllo di tutti i fattori ambientali, riducendo in modo sostanziale quelli dovuti ad esempio alle infestazioni degli insetti, alle piogge eccessive o, al contrario, alla prolungata siccità: tutte condizioni che in uno spazio aperto possono capitare.

La crescita nella grow box è possibile in tutti i periodi dell’anno, anche durante i rigidi mesi invernali, sia per la regolarità delle temperatura che per la costante esposizione delle piante alle luce ottimale.

=> Scopri le verdure più facili da coltivare

Le grow box possono essere acquistate oppure pensate e costruite con un apposito progetto fai da te. In quest’ultimo caso, in genere si prepara un contenitore rettangolare o quadrato, con una base in legno. Le pareti, sempre in legno, dovrebbero essere rivestite con materiale riflettente dopo aver installato le luci. A questo vanno aggiunti sistemi di regolazione e controllo della temperatura e dell’idratazione delle colture. La completa gestione del progetto fai da te richiedere diverse conoscenze, pertanto una valida alternativa potrebbe essere quella di acquistare un kit e seguire le istruzioni per il montaggio.

Il sistema idroponico

Garden

Spesso la crescita delle piante nella grow box avviene con il sistema idroponico. Quest’ultimo si basa su una tecnica di pompaggio specifica, per fornire acqua e nutrienti direttamente alle radici delle piante. Si tratta di un metodo di coltivazione molto pulito, che assicura la crescita di piante più forti e più sane, tanto che la fioritura è molto precoce e anche duratura. La soluzione di acqua e sostanze nutritive sostituisce completamente il terreno in tutte le sue funzioni. Esistono diversi sistemi di erogazione dell’acqua per la coltura idroponica:

  • di gocciolamento;
  • il sistema di flusso e riflusso;
  • il sistema di coltura dell’acqua;
  • il sistema aeroponico, in cui l’aria è usata come mezzo e le piante ricevono i nutrienti attraverso gli spruzzi di un nebulizzato.

=> Scopri il kit per il sistema idroponico

 

Il metodo a gocciolamento è quello più usato: è ben controllato e gestito da una pompa, che rilascia la soluzione nutritiva alle radici. Il sistema idroponico più semplice è quello dello stoppino: il vassoio di coltivazione riceve la soluzione nutritiva attraverso, appunto, uno stoppino. Il controllo, in questo caso, è un po’ più difficile.

Chiaramente, tutti i sistemi idroponici richiedono soluzioni ricche di nutrienti e la maggior parte necessita di una sorta di pompa d’aria o, ancora, di metodo utile a diffondere la soluzione affinché raggiunga le radici.

La luce

L’illuminazione è un fattore molto importante nella grow box: è sempre attivo e, perciò, è un costo da considerare quando si decide di allestire questo tipo di coltivazione. Perché la luce è così importante? Poiché necessaria alla pianta per la fotosintesi, il processo in cui i vegetali assorbono l’energia della luce e la trasformano in energia chimica.

=> Scopri come realizzare l’orto antidepressivo

 

Le luci sono in genere posizionate molto vicino ai vegetali, per assicurare un’irrorazione costante e continua alle foglie. Nelle grow box si impiegano generalmente dispositivi LED o luci HID (High Intensity Discharge), costituite da un bulbo di vetro dentro il quale è contenuto gas xeno.

I filtri

Plant

Tutte le grow box devono possedere adeguati sistemi di filtri al carbone, ventilatori di circolazione dell’aria e di scarico. Il carbone attivo ha una manutenzione molto limitata e può durare fino a un anno e mezzo.

Dimensioni

Le cassette di crescita sono disponibili in diverse dimensioni, adatte a essere posizionate in casa. Sono sicure e dotate di strumenti di regolazione che ne assicurano efficienza e risultato.

Cosa coltivare

Nei vasetti delle grow box si possono coltivare tutte le piantine appena germinate, per tale motivo di solito serve dotarsi di una piccola serra per la germinazione dei semi. Le piccole piantine appena nate potranno essere trasferite nella scatola di crescita, per approfittare dei suoi vantaggi e del sistema idroponico.

=> Scopri le erbe aromatiche in cucina

 

Nella grow box si possono coltivare anche erbe aromatiche e varietà da orto destinate al consumo.

8 febbraio 2018
Immagini:
Lascia un commento