Tempo di bilanci anche per Greenpeace. Giunti ormai quasi al termine di questo 2014 l’associazione ambientalista affida a un album di immagini spettacolari gli eventi più significativi degli ultimi dodici mesi. Azioni dimostrative a sostegno del pianeta e di un approccio più ecologico e attento alla salute da parte delle grandi compagnie.

Dalla lotta per salvare l’Artico dalle mire dei petrolieri, nella quale si sono inseriti il viaggio dell’attrice Emma Thompson e il video realizzato utilizzando i Lego per costringere l’azienda produttrice a rinunciare al petrolio di Shell, passando per l’opposizione alle trivelle nel Canale di Sicilia.

Più controverse sono state invece le azioni svolte in Perù durante la COP20 di Lima. Dopo la prima azione dimostrativa sul monte Machu Picchu, con la proiezione di un messaggio a sostegno dell’energia solare, gli attivisti di Greenpeace sono incappati in un passo falso durante la protesta a Nazca.

A chiudere l’anno, in ordine di tempo, le proteste presso l’UE contro la pesca insostenibile e gli stock ittici al collasso. L’ultima iniziativa di Greenpeace in tal senso è stata portata avanti lo scorso novembre a Bruxelles in occasione del Consiglio dei Ministri UE, durante il quale sono state definite le quote pesca per il prossimo anno.

23 dicembre 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento