Il magazine Computerworld ha stilato una classifica delle principali organizzazioni, sia dal lato acquirente che dal lato fornitore, che rappresentano un esempio del modo in cui si può utilizzare il Green IT per ottimizzare la performance ecologica di un’azienda.

Al vertice della lista dei “top 12 users” si è piazzata Mohawk Fine Papers Inc., il più grande produttore di carta per stampa digitale, scrittura e stampa tradizionale del Nord America, capace di applicare al meglio la tecnologia per ridurre i consumi energetici.

La società newyorkese, oltre ad aver impiegato il software Infor Enterprise Asset Management (EAM), progettato per migliorare l’efficienza degli impianti di produzione, ha collocato nei suoi edifici migliaia di sensori che controllano ogni watt usato, riversando i dati in un sistema Web-based in cui il consumo di energia viene monitorato in tempo reale.

La strategia perseguita invece dalla seconda classificata, State Street, azienda multinazionale di servizi finanziari presente in 27 paesi, fa perno sul consolidamento, che nella fattispecie si è realizzato attraverso il passaggio a mainframe Linux in grado di migliorare l’efficienza e far risparmiare sui costi.

Per quanto concerne i fornitori nei primi tre posti troviamo nell’ordine IBM, Hewlett-Packard Co. e Fujitsu America Inc.

28 aprile 2009
Lascia un commento