Green Hill: gli affidatari non riconsegneranno i Beagle

Green Hill: gli affidatari non riconsegneranno i Beagle qualora la Cassazione dovesse invertire le sorti del sequestro degli animali dall’allevamento. È questo quanto rivela il Corriere della Sera, sulla base dell’organizzazione di un corteo che avrà luogo sabato in quel di Montichiari.

Sono quasi 3.000 i cuccioli e le fattrici di Beagle affidati da LAV e Lagambiente a famiglie desiderose di accudirli, in attesa del processo contro Green Hill. Gli animali, sequestrati dalla Digos e dal Corpo Forestale dello Stato, sono stati sottratti dall’allevamento bresciano per le condizioni in cui si dice versassero, tanto che sulla stampa più volte si è parlato di veri e propri “lager”. Su questa decisione di pronuncerà la Cassazione il 21 febbraio su una richiesta di dissequestro avanzata dall’azienda e, qualora la sentenza fosse a favore dell’allevamento, i cani potrebbero tornare in quel di Montichiari.

>>Scopri perché i Beagle di Green Hill potrebbero tornare in azienda

Le associazioni animaliste, come Animal Amnesty, e tutte le famiglie affidatarie però non ci stanno: sabato sarà organizzata a Montichiari una fiaccolata di protesta, dove si ribadirà la non disponibilità a riconsegnare i Beagle. E tutti i nuovi proprietari sono pronti a pagarne le conseguenze legali, se sarà il caso. Il titolo dell’iniziativa è tra l’altro esemplare: “Nessun cane tornerà in quel lager”.

>>Leggi del dissequestro di Green Hill

Piercarlo Paderno, referente di Animal Amnesty, rileva una partecipazione record per la manifestazione:

«Nessun cane tornerà in quel lager. Né quelli affidati né altri. Hanno già confermato la loro adesione una decina di pullman da tutta Italia. Un record. Ci aspettiamo almeno duemila persone.»

Durante l’evento, verranno anche raccolte donazioni volontarie per assicurare le spese legali ai 13 attivisti fermati lo scorso aprile, durante la liberazione forzata dei cani da Green Hill.

12 febbraio 2013
I vostri commenti
Alex, martedì 7 maggio 2013 alle15:56 ha scritto: rispondi »

E chi risarcisce ora Green Hill? Per me possono anche tenersi i cuccioli, ma li devono pagare, o chiedere alla LAV e Legambiente di pagare per loro. Qui va a finire come al solito, che sara' lo stato a dover risarcire la Marshall.

Lascia un commento