Le rassicurazioni di ieri del Governo sulla possibile chiusura di Green Hill, l’allevamento per la sperimentazione di Brescia, non hanno di certo calmato le proteste degli attivisti. L’AIDAA, l’Associazione Italiana per la Difesa di Animali e Ambiente, informa via comunicato stampa l’avvio di uno sciopero della fame di sensibilizzazione.

A partire da lunedì 14 maggio, un gruppo di circa 100 attivisti cominceranno uno sciopero della fame – da ripetersi almeno un giorno alla settimana – affinché Green Hill e altri laboratori di sperimentazione sparsi sul territorio italiano vengano chiusi.

La protesta di protrarrà ad oltranza finché il Senato non su pronuncerà sulle norme per la chiusura dell’allevamento di Montichiari e finché una legge non stabilirà il divieto di apertura di simili strutture nel resto d’Italia. Il digiuno volontario, che avrà carattere di staffetta tra attivisti e personaggi importanti per la difesa degli animali, vuole accendere anche i riflettori sul noto “Emendamento Brambilla” che, a loro avviso, di fatto “non intacca minimamente le attività degli sperimentatori”. Ecco il testo del comunicato:

«Sono un centinaio i volontari e gli animalisti dell’associazione italiana difesa animali ed ambiente che da lunedì 14 maggio inizieranno uno sciopero della fame a staffetta per almeno un giorno alla settimana, per chiedere la chiusura di Green Hill e di tutti gli altri allevamenti di animali destinati alla vivisezione e sperimentazione presenti sul territorio italiano. La protesta si protrarrà a oltranza fino a quando il Senato non avrà votato la norma che prevede la chiusura dell’allevamento lager di Montichiari e il divieto di aprire altri allevamenti sul territorio nazionale. Ovviamente questo dello sciopero della fame a staffetta vuole essere un modo di testimoniare direttamente la nostra indignazione contro il fatto che questi allevamenti siano ancora attivi, ma allo stesso tempo vuole essere una testimonianza diretta per dire basta anche all’importazione di animali destinati agli oltre 600 laboratori italiani in cui si pratica vivisezione e di cui si tace in maniera ipocrita nel famoso testo inopinatamente definito “Emendamento Brambilla”, che di fatto non intacca minimamente le attività degli sperimentatori.»

Chi volesse partecipare allo sciopero a staffetta contro Grill Hill, può contattare AIDAA all’indirizzo email presidenza.aidaa@gmail.com oppure telefonare ai numeri 478883546 – 0222228518 – 3926552051.

11 maggio 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento