Arrivano buone notizie per le famiglie a cui sono stati affidati i Beagle di Green Hill: la Procura di Brescia ha acconsentito all’adozione definitiva dei primi 300 esemplari. Ne danno notizia LAV e Legambiente, le due associazioni incaricate di gestire e monitorare l’affidamento dei cani dopo il sequestro e durante i mesi delle indagini.

Come ormai noto, i circa 3.000 Beagle sequestrati dall’allevamento di Montichiari sono stati consegnati alle famiglie volontarie in semplice affido. Questo perché, essendo inizialmente elementi di prova per il processo, non si sarebbero prefigurate le condizioni per un’adozione definitiva. Lo scorso maggio, però, il Tribunale del Riesame di Brescia ha deciso di trasformare il sequestro da probatorio a preventivo, aprendo così la via della speranza per i volontari.

Con un decreto firmato ieri, la Procura della Repubblica di Brescia ha messo in salvo definitivamente i primi trecento beagle tra i circa 3.000 provenienti dall’allevamento lager di Green Hill, affidati in via provvisoria lo scorso agosto.

Le famiglie affidatarie possono così tirare un sospiro di sollievo, anche se l’ipotesi che i cani potessero tornare all’azienda è sempre stata comunque remotissima. Così spiega Rossella Muroni, direttore generale di Legambiente:

Questa è una bellissima notizia per le trecento famiglie che da oggi possono allontanare ogni residua preoccupazione per il loro amatissimo Beagle e un grande incoraggiamento per le altre famiglie affidatarie che, appena espletate le procedure, potranno vivere la stessa soddisfazione. Ed è una bellissima notizia anche per Legambiente, La battaglia contro il maltrattamento degli animali, che è punito dalla legge, è una conquista sentita e condivisa dalla società che ci spinge ad attivare una concreta attenzione verso le altre specie animali.

La vicenda di Green Hill è salita agli onori di cronaca lo scorso anno, quando un nutrito gruppo di attivisti ha invaso l’area di Montichiari liberando alcuni Beagle. Intervenute le forze dell’ordine e la Procura, sarebbero state rilevate infrazioni alle normative sull’allevamento di animali a scopi di ricerca e, così, si è optato per il sequestro dei cani ospitati.

18 ottobre 2013
Fonte:
I vostri commenti
marco, mercoledì 7 giugno 2017 alle12:22 ha scritto: rispondi »

Salve come si puo avere il documento di adozione definitiva sono anni che chiamo la lav ma non mi mandano nulla...

patricia, domenica 4 ottobre 2015 alle22:09 ha scritto: rispondi »

Dio son bellissimi, ma rimangono così taglia piccola? Ne' adotterei uno se' possibile...troppo amorevoli e dolci,qnt gioia porterebbero a casa

lorella, sabato 7 febbraio 2015 alle13:32 ha scritto: rispondi »

come si può fare del male a questi cani , a nessun animale si deve arriavre a fare certe cose. mi piacerebbe adottare un cucciolo.

Lascia un commento