È un giardino pensile sostenibile il vincitore dell’edizione 2015 di smart FOR city. Si tratta del progetto G4A – Green for All, ideato dalle due esperte di design ambientale Francesca Perricone e Roberta Rotondo, un’idea che fa della sostenibilità e del riciclo i propri punti di forza.

Il concorso smart FOR city è stato istituito da smart Italia in collaborazione con H-FARM, piattaforma digitale che ha come obiettivo il sostegno ai giovani imprenditori che vogliono dare vita a progetti innovativi e alle aziende che desiderano trasformarsi per meglio inserirsi nel segmento digitale.

I progetti presentati al concorso hanno rispettato i criteri di “pertinenza, originalità e fattibilità”, oltre a risultare realizzabili in 3 mesi con un budget massimo pari a 50.000 euro. Quattro le categorie a disposizione dei partecipanti a smart FOR city: Mobilità; Work/Life balance; Sicurezza; Sostenibilità ambientale.

 

La sezione Mobilità ha interessato i progetti riguardanti la soluzione di problematiche legate ad esempio al traffico, ai parcheggi e alla viabilità, con possibilità di ricorso ad app virtuali così come a impianti statici.

La sezione Work/Life balance ha raccolto invece le soluzioni rivolte all’ottimizzazione del tempo a disposizione, migliorando gli equilibri tra vita quotidiana e lavoro mediante l’utilizzo di app, siti o altre tipologie di realizzazione. La categoria Sicurezza puntava invece alla presentazione di progetti che prevedessero ad esempio piani di illuminazione o sorveglianza, app e software specifici in grado di migliorare la vita in città sotto questo particolare aspetto.

A convincere i giurati è stato però un progetto presentato nella categoria relativa alla Sostenibilità ambientale, la sezione più”green” del concorso, il cui obiettivo era la realizzazione di iniziative mirate al miglioramento delle attività connesse all’ecocompatibilità tra le quali, ad esempio, l’ottimizzazione della raccolta/gestione dei rifiuti, la riduzione dei consumi e la lotta all’inquinamento.

Proprio in quest’ultima sezione si è inserito il progetto delle due designer romane, realizzato con materiali di riciclo e in grado di essere adattato con facilità a vecchi e nuovi edifici.

Il giardino pensile sostenibile Green for All è riuscito a imporsi su un nutrito gruppo di startup concorrenti, oltre 80, grazie alla sua idea semplice e 100% ecocompatibile: una piccola serra da posizionare in corrispondenza di una finestra, in grado di sfruttare compost e rinnovabili per alimentarsi e produrre acqua calda o energia.

La struttura di G4A è una loggia (serra), realizzata per intero con l’utilizzo di materiali riciclati, che sfrutta uno schermo solare pieghevole mobile per ottenere energia sostenibile. In più grazie al compostaggio alimenta un piccolo giardino scorrevole, con il quale sarà possibile restituire un po’ di verde a un ambiente cittadino spesso dominato dal grigio del cemento.

La vittoria del contest smart FOR city non frutterà ai due architetti romani soltanto l’onore del primato e il contributo economico offerto da smart Italia. Grazie al successo ottenuto le vincitrici potranno essere ospitate per tre mesi presso H-FARM ed essere inserite nel “programma di accelerazione intensivo H-CAMP“: qui Francesca Perricone e Roberta Rotondo riceveranno un’assistenza quotidiana che permetterà loro di procedere al meglio nella realizzazione della loro startup.

17 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento