Lo sostenibilità incontra l’eccellenza della green economy. Accade al momento dell’assegnazione del Premio sviluppo sostenibile 2012 a tre aziende che si sono particolarmente distinte nelle pratiche e nell’innovazione “verde”: Policarta di Bassano in Teverina (VT), Poste Italiane e EcoWorldHotel. Oltre al trio di vincitori previsto un riconoscimento anche per le altre 27 imprese selezionate tra le partecipanti all’iniziativa, che riceveranno una targa al merito. La premiazione è prevista per il 9 novembre a Rimini durante Ecomondo Key-Energy.

Sviluppo sostenibile che le tre aziende vincitrici hanno esaltato in altrettante categorie. Policarta si è affermata nella sezione “Rifiuti e risorse” grazie al suo innovativo ed ecologico sistema di imballaggio alimentare multi-materiale, certificato come completamente compostabile e adatto all’utilizzo con i normali macchinari industriali.

Poste Italiane si aggiudica la sezione “Energia e mobilità” grazie al suo “Piano elettrico”, che prevede l’acquisto e l’utilizzo per la consegna della corrispondenza di 700 quadricicli elettrici. I mezzi rientrano nel progetto Postal ZEV (Zero Emission Vehicle) a cui Poste ha aderito e che prevede l’impiego di veicoli a zero emissioni che utilizzano sistemi di recupero dell’energia in fase di frenata e vengono ricaricati sfruttando materiali di scarto agricoli.

Premio dedicato ai “Prodotti e servizi innovativi a elevate prestazioni ambientali” per EcoWorldHotel. La società milanese ha allestito una catena di strutture alberghiere ecologiche e assegnato a ciascuna di loro un numero di “eco-foglie” (da 1 a 5) corrispondenti al grado di eco-compatibilità ambientale dimostrato. Attualmente partecipano 130 imprese al progetto, che prevede inoltre il supporto di un apposito portale e di un gruppo di acquisto per prodotti e servizi ecologici.

Il Premio è stato istituito da Ecomondo insieme alla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, il cui presidente Edo Ronchi è intervenuto a margine delle assegnazioni:

In questo fine 2012 l’Italia continua ad attraversare una crisi irrisolta che sollecita non solo un rigoroso impegno nei conti pubblici, ma anche un credibile nuovo progetto di sviluppo durevole ed ecologicamente sostenibile.

La green economy potrebbe costituire l’asse di questo nuovo progetto di sviluppo e le imprese innovative, come quelle premiate e segnalate da questo premio, potrebbero avere un ruolo di apripista per lo sviluppo futuro.

10 ottobre 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento