Siamo nel Wyoming, precisamente nello spettacolare Parco Nazionale di Yellowstone. Questo luogo è famoso per le sue bellezze naturali, ma una fra tutte è conosciuta e famosa in tutto il mondo: il lago “Grand Prismatic Spring“, la sorgente di acqua calda più grande degli Stati Uniti, Patrimonio dell’Umanità e dell’Unesco.

=> Scopri i rischi per l’ambiente legati al lago di carbonio sotto Yellowstone

Lo spettacolo colorato di questo “Pozzo dei Desideri” di origine vulcanica è dovuto alla presenza di diversi batteri che popolano la sorgente e le sue sponde, regalando così delle sfumature di colore brillante a tutta la zone ricreando una sorta di arcobaleno terrestre. Azzurro, giallo, rosso, verde questi sono i colori principali che, a seconda della temperatura raggiunta dall’acqua, possono diventare quasi fluorescenti.

=> Guarda lo stagno giapponese che somiglia a un quadro di Monet

L’area però oggi è a rischio. Questo spettacolo di colori potrebbe “spegnersi” per colpa nostra. A causa della presenza molto invasiva dell’uomo in questa zona l’ecosistema del Grand Prismatic Spring è a rischio. I rifiuti lasciati dai visitatori hanno inquinato la zona e hanno contribuito alla creazione di nuovi batteri che, interagendo con altre sostanze chimiche e le alte temperature della piscina, stanno modificando l’equilibrio di questo sito naturale.

Il primo effetto che si nota è un abbassamento del livello dell’acqua, ma la situazione potrebbe diventare ancora più grave.

Secondo un recente studio pubblicato sul giornale “Biological Conservation” i colori del lago potrebbero sparire e non sarebbe nemmeno la prima volta che l’uomo distrugge una meraviglia naturale. Si parla di oltre 100 siti gravemente danneggiati dalla presenza dell’uomo, ma ad oggi è proprio il parco di Yellowstone e la sua sorgente a preoccupare maggiormente i ricercatori.

17 febbraio 2017
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento