Hanno approfittato di una via di fuga per darsela a gambe levate, lasciando di sorpresa i presenti. È questa la storia di alcuni singolari fuggitivi, un gruppo di granchi fuoriuscito da un contenitore e pronto a invadere l’intera area bagagli di un aeroporto. Succede alle Bahamas, per un evento insolito già divenuto virale sulle piattaforme social.

Il tutto pare essere accaduto lo scorso mese, sebbene la notizia sia finita sulle agenzie di stampa soltanto negli ultimi giorni. L’intera impresa è stata filmata da un passeggero presente nella struttura, pronto a immortalare i granchi fuggitivi e consegnarli agli onori di YouTube.

=> Scopri il granchio che apre le bottiglie di birra


Dopo essere atterrati al Lynden Pindling International Airport di Nassau, i passeggeri si sono recati presso l’area bagagli, come consuetudine per ritirare le proprie valigie. Tuttavia, nessuno si sarebbe mai aspettato di vedere dozzine di granchi sul nastro trasportatore, fuoriusciti da un contenitore refrigerato e pronti a invadere gran parte dell’aeroporto. Facendosi leva con le zampe, infatti, alcuni esemplari sono riusciti a superare la protezione esterna del nastro, per poi correre a tutta velocità per la struttura.

L’impresa, così come già anticipato, è stata ripresa in video da uno dei turisti, tuttavia il filmato non sembra essere sufficiente per spiegare cosa sia effettivamente successo. La spedizione sembra essere del tutto regolare, ma non è ben chiaro perché il contenitore sia stato destinato al rullo trasportatore, anziché consegnato allo smistamento per il ritiro di animali e merci.

=> Scopri il granchio di mare


Le agenzie di stampa non specificano cosa sia accaduto ai granchi a seguito della loro apparizione e della ripresa, tra smartphone e videocamere, da parte dei passeggeri presenti. Considerato come nel filmato si intravedano alcuni addetti dell’aeroporto, si ipotizza siano stati catturati, per poi essere nuovamente inseriti nel contenitore della loro spedizione.

24 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
UPI
Lascia un commento