Sono circa otto milioni gli italiani che nelle proprie case utilizzano il Gas di Petrolio Liquefatto, più noto come GPL. Lo rivela un’indagine commissionata a GfK Eurisko da Assogasliquidi, l’associazione di Federchimica che rappresenta il settore. Lo stesso sondaggio, però, mostra che il 45% degli italiani non conosce le caratteristiche del GPL e le sue diverse possibilità di impiego.

Il Gas di Petrolio Liquefatto, infatti, viene considerato, oltre che un carburante per le automobili, anche come un’alternativa al metano per cucinare, riscaldare gli ambienti e produrre acqua calda. Il realtà, spiega Assogasliquidi, potrebbe essere impiegato anche in altri usi, sia in ambito domestico che professionale, dai tagliaerba ai barbecue, dai “funghi” da esterno alle pompe di calore. Una varietà di usi che, secondo l’associazione di settore, comporterebbe una serie di benefici in termini ambientali:

Il GPL emette circa il 20% in meno di Co2 rispetto al gasolio e il 50% in meno rispetto al carbone – spiegano da Assogasliquidi – Ha una grande facilità di trasporto e stoccaggio, qualità che lo rende in grado di servire anche le zone del Paese non raggiungibili dalle reti metanizzate, come le isole o le comunità montane.


Proprio per far conoscere meglio gli usi del GPL, l’associazione ha deciso di promuovere il concorso “Una giornata con il GPL”, rivolto a giovani studenti di grafica e design di tutta Italia, a cui viene chiesto di realizzare una proposta creativa che rappresenti il Gas di Petrolio Liquefatto. In palio, spiega Assogasliquidi, ci sono due premi da 4.000 euro e quattro da 500 (il regolamento e le informazioni sono disponibili sul sito dell’associazione).

24 febbraio 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Paolo, venerdì 2 gennaio 2015 alle23:45 ha scritto: rispondi »

4/5 euro al metro cubo, rispetto ai 65 centesimi del metano! La convenienza è solo per le società che lo forniscono... di certo non per il consumatore finale che in un inverno (da dicembre a marzo si ritrova di fronte ad un esborso di oltre 2000 euro. Fatevi due conti.

Federica, domenica 26 febbraio 2012 alle11:39 ha scritto: rispondi »

Nell'isola dove vivo è molto caro anche il GPL , QUALCHE COSA MI DICE DINON FIDARMI DEI RIFORNIMENTI CHE VENGONO FATTI DAI CAMION ALLE CISTERNE PRIVATE E CONDOMINIALI, NON PARLIAMO DEL METANO CHE NON C'E'

Lascia un commento