Le meraviglie del mondo disponibili su Google World Wonders. Dall’accordo del motore di ricerca con l’UNESCO, il World Monument Fund e l’agenzia fotografica Getty Images un progetto di educazione e sviluppo che mostra 131 spettacolari località della Terra. Per l’Italia Pompei, il centro storico di Firenze e Napoli, i trulli di Alberobello, il Parco delle Cinque Terre e altro ancora.

Google World Wonders che ovviamente non potevano fare a meno di siti come quello di Stonehenge o della Reggia di Versailles. Presenti anche il monumento alla pace di Hiroshima e lo Yosemite National Park, mentre significativo è l’inserimento di Villa Adriana a Tivoli tra le meraviglie del mondo. Proprio il sito storico e culturale laziale è stato per settimane al centro di un aspro scontro istituzionale per via della possibile costruzione di una discarica nelle sue vicinanze, progetto che ne ha messo a rischio lo status UNESCO.


I visitatori virtuali potranno non soltanto ammirare le splendide immagini delle località scelte, ma anche ottenere informazioni storiche e turistiche per conoscere meglio le Google World Wonders. L’obiettivo dell’accordo è creare un patrimonio condivisibile di risorse artistiche e storico-culturali a disposizione delle generazioni future e per le finalità didattiche degli istituti scolastici. Oltre all’ormai consueto strumento Street View presenti testi informativi dell’UNESCO, immagini fotografiche e modelli 3D.

Completano le presenze per l’Italia Castel del Monte, San Gimignano, Siena, Urbino, Ferrara, Pisa, le Chiese rupestri della Puglia e della città di Matera, le Città tardo barocche della Val di Noto e la Costiera Amalfitana.

1 giugno 2012
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento