Dopo l’Etna Google Street View arriva sulle Dolomiti. Una delle più importanti catene montuose italiane, compresa nelle Alpi Orientali, sarà visibile a 360 gradi grazie al progetto Dolomiti Google Special Collects che sarà presentato dal 3 al 9 luglio a Expo 2015.

Sarà lo stand della Regione Friuli Venezia Giulia a permettere ai visitatori dell’Expo di Milano di ammirare gli angoli più sconosciuti e irraggiungibili delle Dolomiti, un patrimonio naturale inestimabile compreso fra le province di Belluno, Bolzano, Trento, Udine e Pordenone.

Il progetto creato dalla Fondazione Dolomiti UNESCO ha l’obiettivo di fare vivere al turista virtuale un’esperienza unica, non solo nello stand dell’esposizione, ma anche da qualsiasi pc, smartphone e tablet.

Il percorso che permetterà di svelare i segreti delle Dolomiti è stato composto grazie alle mappature a piedi e alle migliaia di immagini ottenute con il Google Trekker. L’ormai celebre zaino da 25 chili ha permesso a Google Street View di mappare alcune delle zone più affascinanti e impervie del pianeta, rendendole “accessibili” al mondo.

Così il viaggiatore virtuale può godere dello spettacolo, non solo di meraviglie di casa nostra come le Dolomiti e l’Etna, ma anche quello degli immensi parchi americani, delle selve amazzoniche più incontaminate, delle vette nepalesi e delle affascinanti terre nordiche della Groenlandia.

Dolomiti Google Special Collects ha preso il via alla fine dell’estate del 2014. Grazie alle 15 telecamere di cui è dotato il Trekker sono state registrate migliaia di immagini panoramiche al ritmo di 8-10 secondi, per mostrare le zone più inaccessibili del Parco delle Dolomiti.

Nella fase di test, fra settembre e ottobre 2014, sono stati percorsi e realizzati 20 itinerari su sentieri dislocati, coprendo sette dei 9 sistemi delle Dolomiti: il rifugio Dal Piaz sulle Vette Feltrine, Mondeval dal passo Giau, Prato Piazza da Braies, i prati dell’Armentara, il rifugio Tosa Pedrotti sulle Dolomiti di Brenta. Dal 3 luglio è frubile l’intero percorso on line.

3 luglio 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento