Quanti posti di lavoro l’industria solare negli Stati Uniti creerà da qui al 2016? La risposta a questo interrogativo si trova ora su Google Earth che ha costruito una inedita mappa del solar job in collaborazione con Navigant Consulting Inc. e Solar Energy Research & Education Foundation (SEREF), organizzazione no profit attiva nella ricerca e affiliata alla Solar Energy Industry Association (SEIA).

L’intento è quello di aiutare gli utenti a comprendere, attraverso un supporto visivo disponibile anche in formato klm, come le misure governative di sostegno all’energia solare possano concretizzare le aspettative di aumento dell’occupazione a tempo pieno in questo settore, stimabile intorno alla cifra di 440.000 unità.

Questi dati vengono ripresi dal rapporto “Economic Impacts of Extending Federal Solar Tax Credits”, preparato dalla società di consulenza Navigant Consulting Inc. per conto di SEREF, che analizza l’impatto economico dei crediti d’imposta per gli investimenti nella tecnologia solare esteso lungo un arco temporale di 8 anni (2008-2016) per impianti sia commerciali che residenziali.

Il programma consente di avere la proiezione di crescita divisa anno per anno per ogni singolo stato e distribuita sui tre comparti del fotovoltaico, solare a concentrazione, solare termico, potendo inoltre verificare le prospettive di ripresa, connesse allo sviluppo dell’attività delle rinnovabili, nelle zone più colpite dalla crisi economica.

Google Earth mette a disposizione pure una simulazione 3D della crescita di posti di lavoro nel corso del tempo avendo la possibilità di confrontare le risorse tecniche di ogni realtà territoriale con il potenziale occupazionale.

16 marzo 2009
I vostri commenti
Carlo Lavalle, giovedì 19 marzo 2009 alle14:47 ha scritto: rispondi »

Qualcosa di simile potrebbe essere utile anche per la realtà del solare o delle rinnovabili italiane

Andrea, mercoledì 18 marzo 2009 alle12:12 ha scritto: rispondi »

Non sono un grande fan di google, però questa è una delle iniziative che appoggio molto volentieri.

Lascia un commento