Goletta Verde: il mare italiano è sempre più inquinato

Il bilancio di Goletta Verde che riguarda l’inquinamento del mare basandosi sui risultati per quest’anno è veramente negativo. Il 48% dei campioni di acqua che sono stati analizzati relativamente ai mari italiani risulta fuori dai limiti stabiliti dalla legge.

Goletta Verde è rientrata in porto dopo aver iniziato un viaggio che l’ha portata dalla Liguria al Friuli Venezia Giulia. I dati che sono stati raccolti parlano di un mare fortemente inquinato, una situazione che sarebbe peggiorata dell’8% rispetto a quanto era stato registrato nel 2017.

=> Leggi di più sulla campagna del Ministero per salvare il mare dalla plastica

In particolare i mari italiani appaiono fortemente inquinati nel 39% dei casi e inquinati nel 9%. Secondo Legambiente, risultati così negativi si possono spiegare sulla base della cattiva depurazione che è attribuita a molte aree e a diverse regioni costiere dell’Italia.

I responsabili di Legambiente hanno sottolineato come anche l’Unione Europea sia intervenuta sulle difficoltà che l’Italia sta incontrando da questo punto di vista. Proprio l’UE avrebbe applicato delle multe alte al nostro Paese per la mancata depurazione delle acque.

I punti più critici che emergono dall’analisi che riguarda il 2018 sono le foci dei fiumi, dei canali e dei corsi d’acqua in generale. Goletta Verde ha messo in evidenza che su 149 foci il 71% risulta fortemente inquinato. Il problema è da rintracciare in questo caso nella rete fognaria non adeguata.

=> Scopri le regole per non inquinare durante le vacanze al mare

In generale la regione che l’anno scorso è risultata più inquinata era il Lazio. Si è visto che proprio le spiagge del Lazio, della Calabria, della Campania e della Sicilia non sono riuscite a migliorare il loro stato di inquinamento, nonostante nel corso di cinque anni la nota associazione ambientalista abbia fatto numerose segnalazioni.

Un altro problema riguarda i punti balneabili. Da alcuni anni per i Comuni è obbligatorio segnalare questi punti critici mediante cartelli informativi. Tuttavia spesso le norme non vengono rispettate e i cartelli non vengono appositamente predisposti.

Proprio per questo motivo si riscontra anche un’alta presenza di bagnanti dove non sarebbe possibile immergersi nelle acque a causa dell’inquinamento. Il direttore generale di Legambiente, Giorgio Zampetti, ha voluto evidenziare:

Con la Goletta Verde 2018 noi chiediamo al ministro Di Maio di fermare la deriva petrolifera nel mare italiano dicendo stop a tutte le nuove attività di ricerca e alle nuove richieste per estrarre petrolio dal mare italiano.

14 agosto 2018
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento