GM apre un centro di ricerca batterie per macchine elettriche

Nonostante le grossissime difficoltà economiche e la grande crisi in cui è caduta negli ultimi mesi, il gigante dell’industria auto General Motors continua ad investire in ricerca e sviluppo “verde”. Il gruppo americano ha infatti appena aperto un nuovo laboratorio di ricerca e sviluppo batterie, per accelerare il suo ingresso nel settore veicoli elettrici, atteso in grande crescita negli anni a venire.

Il laboratorio è chiamato Global Battery Systems Lab, ed è stato aperto da GM a Warren nel Michigan USA. L’obiettivo del lavoro dei ricercatori americani sarà sviluppare e provare batterie agli ioni di litio che dovrebbero alimentare la prossima macchina elettrica Chevrolet Volt e altri possibili modelli elettrici futuri.

Il centro di ricerca e sviluppo si occuperà anche di studiare nuovi mezzi di immagazzinamento energia come gli ultracondensatori. Il laboratorio, distribuito su una superficie di oltre 3000 metri quadri, è quattro volte più grande dell’attuale laboratorio di prova batterie GM e ospiterà circa 1000 ingegneri, secondo quanto detto dalla autorità alla cerimonia di apertura con il governatore del Michigan, Jennifer Granholm, e il capo esecutivo della General motors, Fritz Henderson.

La costruzione di questo nuovo impianto di ricerca e testing è iniziata nell’agosto 2008 ed è terminata a maggio di quest’anno. GM ha già detto di volere produrre da sé le batterie per le proprie macchine elettriche in quanto considera questa tecnologia strategica per i veicoli futuri. La Chevrolet Volt sarà solo la prima di tante macchine elettriche che GM pensa di mettere sul mercato nei prossimi anni e tutte useranno batterie assemblate e testate nel nuovo impianto statunitense.

12 giugno 2009
Lascia un commento