Il nuovo Global Cloud Data Center di Aruba sorge a Ponte San Pietro, località situata in Provincia di Bergamo, a 30 chilometri di distanza da Milano. 200 mila metri quadrati di campus tecnologico di cui 90 mila destinati ai data center, con sistemi per la produzione autonoma di energia da idroelettrico e fotovoltaico. Una struttura caratterizzata da un’elevata efficienza energetica e avanzati sistemi di sicurezza.

=> Leggi i dati sull’eolico Google per i data center europei

Il gruppo impiega già oggi, per l’alimentazione dei suoi data center, solo ed esclusivamente energia certificata come proveniente da fonti rinnovabili. Nel nuovo campus l’approvvigionamento avverrà tramite connessioni multiple all’utility esterna, una centrale idroelettrica e un impianto fotovoltaico, entrambi di proprietà.

=> Data center green Facebook in Irlanda, leggi i dettagli

Il sistema di raffreddamento è invece di tipo geotermico e studiato in modo da garantire la massima resa con consumi estremamente ridotti. Tutti gli impianti sono inoltre costruiti per soddisfare appieno i requisiti previsti dal livello Rating 4 (former Tier 4) di ANSI/TIA 942-A. Queste le parole di Stefano Cecconi, amministratore delegato di Aruba S.p.A.:

Abbiamo concepito Global Cloud Data Center con l’obiettivo di non avere limiti di spazio e di risorse e abbiamo voluto realizzarlo completamente ecosostenibile, pensando all’ambiente, ma anche alla convenienza di limitare i consumi, elevando gli standard di affidabilità e sicurezza in modo da eccedere i massimi livelli di certificazione in ambito data center.

Il campus è concepito per soddisfare le esigenze manifestate da aziende italiane e straniere, così come dalla pubblica amministrazione, in tema di gestione delle infrastrutture IT, con un’attenzione particolare al supporto per il cloud. L’obiettivo è quello di offrire soluzioni scalabili e su misura: dal singolo server ai sistemi di disaster recovery e business continuity, senza dimenticare le facility dedicate alla connettività multicarrier, al routing e alla fornitura hardware.

Sono previsti anche spazi polifunzionali per ogni tipo di necessità logistica: dagli uffici temporanei ai magazzini, fino alle sale a disposizione dei clienti. Prosegue Cecconi:

Creando il nostro terzo data center in Italia abbiamo risposto sia all’esigenza dei nostri clienti enterprise, che ci chiedevano una struttura nel nord Italia che fosse grande tanto da dare spazio alla loro crescita futura, sia alla nostra esigenza di crescita in ambito cloud che ha assunto dimensioni molto importanti.

Aruba annuncia oggi la pre-apertura del Global Cloud Data Center: il primo data center è attivo e oltre 4 MW di potenza (in totale saranno 90 MW in tutto il campus) sono già stati venduti e funzionanti. L’intero centro sarà operativo entro l’estate, con l’inaugurazione ufficiale fissata per il 5 ottobre.

6 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
Immagini:
Lascia un commento