È la mania dell’ultimo decennio, la danza che più ammalia e più scatena le fantasie dello spettatore, soprattutto se di sesso maschile: si sta parlando ovviamente della pole dance, l’arte di arrampicarsi e roteare attorno a un palo. E se fossero gli orsi, anziché delle fisicate e sexy atlete, a praticarla?

>>Scopri l’orso spaventato da uno Yorkshire

È quanto è stato ripreso da alcune telecamere ad Alberta, in Canada, montate in un bosco per scoprire il comportamento degli animali selvatici di notte, quando non sono disturbati dall’uomo. Si scopre così non solo come la foresta al calar del sole si trasformi in una sorta di affollatissimo night club popolato dalle più svariate specie, ma anche come gli orsi amino particolarmente gli alberi. O, meglio, uno in particolare dei tanti alberi del bosco.

Dal girato, si nota un esemplare di maschio adulto avvicinarsi a una pianta di medie dimensioni: prima vi si gratta la schiena strusciandosi sul tronco, così come normale per i giganti delle foreste, poi lo circonda e vi si aggrappa senza sosta. Da qui l’analogia con la pole dance, sebbene appaia ovvio come l’esemplare non stia ballando bensì cercando di porre rimedio al suo prurito. Poi accade qualcosa di strano, ma allo stesso tempo unico.

Diversi altri orsi si avvicinano al primo esemplare, almeno altri tre capi, e tutti iniziano a strusciarsi contro lo stesso albero, sebbene ve ne siano un’infinità a disposizione nella zona. Non solo: quando la pianta è troppo occupata, gli orsi attendono pazientemente il loro turno, come se fossero bambini in attesa di salire sulla loro giostra preferita. Cosa abbia di particolare quest’albero rispetto agli altri non è dato sapere, anche perché non si tratta di una varietà rara trovata per caso nel bosco. E perché gli orsi non vi riescano proprio a rinunciarvi è altrettanto mistero. Allo spettatore incuriosito non resta altro che ammirare questa improvvisata danza, una vera e propria pole dance involontaria che di certo strapperà più di un sorriso.



30 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento