Potrebbero tornare gli incentivi per i motorini. La possibilità è stata avanzata dal sottosegretario allo Sviluppo economico, Stefano Saglia, che ha ipotizzato come i fondi stanziati ma non utilizzati da altri settori potrebbero essere destinati ad incentivare l’acquisto di motocicli a basso consumo, secondo quanto previsto dal Dl 40/2010.

Gli incentivi per i motorini a basso consumo, per un valore complessivo di 12 milioni, erano già stati erogati tramite il decreto approvato alcune mesi fa, ma erano andati esauriti nel giro di un paio di settimane, segno del grande interesse mostrato dalla gente verso tali veicoli, spesso la scelta migliore per chi è costretto a spostarsi in città.

I nuovi fondi potrebbero arrivare adesso da altri settori che, al contrario, non hanno esaurito gli incentivi loro destinati dal Governo, come ad esempio gli aiuti per l’acquisto di immobili ad alta efficienza, che hanno visto rimanere inutilizzate la metà delle risorse precedentemente stanziate.

A disposizione ci sarebbero ancora 124 milioni su 300 messi in preventivo dal decreto, quindi il 32% delle risorse totali che potrebbero tornare in gioco in quei settori in cui la richiesta è stata ampia, quali la nautica, la banda larga, le macchine agricole e i motorini, appunto.

Adesso la parola spetta al Ministero dello Sviluppo Economico, che dovrà emanare un provvedimento specifico per consentire la riassegnazione e il riutilizzo dei fondi non erogati.

27 settembre 2010
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento