Maggio è storicamente il mese del Giro d’Italia, ma non saranno solo gli atleti a salire in sella alla bicicletta. Legambiente, Fiab, Città in Bici e molti comuni dello Stivale hanno infatti organizzato la seconda edizione del Giretto d’Italia, un’iniziativa per sensibilizzare alla sostenibilità ambientale incentivando l’uso delle due ruote.

Si tratta di una sorta di sfida, un vero e proprio campionato, fra 26 città: vincerà la maglia rosa il comune che dimostrerà il maggior utilizzo di biciclette da parte dei cittadini, mentre ai sindaci delle prime tre città classificate verrà donata in premio una bicicletta in alluminio riciclato messa in palio da Sorgenia.

Il tutto avverrà il prossimo 11 maggio, quando degli appositi check point verranno dislocati sul territorio dei comuni partecipanti per capire quale sia l’intensità del transito su due ruote. Tre i gironi – città grandi, medie e piccole – con tre altrettanti premi, a seconda della dimensione del comune e dal numero di abitanti. Fra le tante, Milano, Torino, Genova, Venezia, Verona, Firenze, Bologna, Roma, Bari Trento, Padova, Vicenza, Ferrara, Modena, Ravenna, Brescia, Reggio Emilia, Pordenone, Pesaro, Udine, Schio, Lodi, Carpi, Pisa, Grosseto e Saronno.

L’obiettivo dichiarato per il Giretto d’Italia 2 non è, ovviamente, stilare una semplice classifica sui comuni più attenti all’ambiente. Il leitmotiv è quello di incentivare i cittadini all’utilizzo della bicicletta, mezzo a zero emissioni e toccasana per la salute dei piccoli e grandi centri urbani. Legambiente e gli organismi partecipanti, infatti, sperano che una partecipazione di massa possa spronare i comuni a investire maggiormente nella sostenibilità del trasporto cittadino, prevedendo più chilometri di piste ciclabili, agevolazioni per chi decide di lasciare l’automobile in garage preferendo invece la pedalata, una sensibilizzazione istituzionale che possa convincere gli abitanti sugli effetti negativi dei mezzi di trasporto a motore. Non resta, quindi, che saltare in sella il prossimo venerdì per raggiungere il posto di lavoro, scuole, università o anche solo per un pomeriggio di sereno relax.

6 maggio 2012
Fonte:
Lascia un commento