Giraffe combattono a colpi di collo: ecco perché

Hanno catalizzato le attenzioni dei social network con un combattimento senza esclusione di colpi, un fatto considerato insolito per molti navigatori in rete. Eppure si tratta di normale amministrazione per le giraffe, pronte a lanciarsi in duelli anche molto violenti per una questione davvero nobile: conquistare le attenzioni dell’amata. È quanto è accaduto presso il Kruger National Park, una delle riserve naturali più grandi del Sudafrica, per una lotta ripresa dall’occhio vigile della fotocamera di un turista.

Il video, registrato da Walter Becker e subito diffuso tramite i social network, mostra una coppia di giraffe solo in apparenza tranquille. Gli esemplari maschi, dopo essersi avvicinati reciprocamente, si sono infatti lanciati in una furiosa lotta: il tutto a colpi di collo, sfruttati come vere e proprie mazze per abbattere l’avversario. Dopo qualche secondo di combattimento, uno dei due duellanti ha però deciso di gettare la spugna, lasciandosi cadere a terra e consegnando la vittoria al rivale.

=> Scopri perché le giraffe mangiano le ossa


Così come già anticipato, si tratta di una consuetudine tutt’altro che remota fra questi altissimi animali. Non capita di rado che i maschi ricorrano a questo singolare confronto per ottenere le attenzioni delle femminile, in particolare nella stagione degli accoppiamenti. La scelta di usare il collo come vere e proprie mazze deriva dalla forza e dalla potenza della sua muscolatura, considerando come zampe e corpo siano generalmente più esili.

=> Scopri il lento declino della giraffa verso l’estinzione


In ogni caso, per quanto i combattimenti siano scenografici, di rado gli sconfitti subiscono ferite importanti da questo confronto. Il collo, infatti, è in grado di attutirne i colpi e, nella maggior parte dei casi, è l’esemplare stesso a cedere volontariamente nel rilevare una forza maggiore nell’avversario. Di seguito, il video rimbalzato sulla piattaforma Instagram.

7 settembre 2017
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento