Gennaio si conclude come ogni anno con quelli che vengono tradizionalmente chiamati i Giorni della Merla. Si tratta delle giornate del 29, 30 e 31 del mese, secondo la leggenda quelle associate al periodo più freddo dell’anno.

=> Scopri i 10 alimenti per combattere il freddo

Alcune leggende popolari regionali vedono tuttavia i Giorni della Merla collocati in maniera differente, tra le giornate del 30, 31 gennaio e del 1 febbraio. La leggenda principale vuole però questo periodo compreso per intero nel mese di gennaio e la sua origine frutto di un’affascinante storia, che vede protagonista il primo mese dell’anno e il piccolo uccello.

La leggenda della Merla e di Gennaio dispettoso

La leggenda narra che un tempo vi fosse una merla dal becco giallo e dalle piume bianchissime di cui gennaio (all’epoca di soli 28 giorni) si prendeva beffe, riservandole freddo e neve, nei giorni in cui il piccolo volatile usciva dal suo nido per procurarsi del cibo.

=> Scopri come proteggere la pelle dal freddo con 10 alimenti

Gennaio invidiava la bellezza del piumaggio candido della merla, per questo la “tormentava” con giornate rigide e condizioni meteorologiche proibitive. Il piccolo uccello arrivò anche a chiedere al mese di durare un po’ meno, sentendosi però rispondere: “Mia cara merla, mi spiace però mi sono stati assegnati 28 giorni e non posso durare meno”.

La risposta della merla l’anno successivo fu quella di accumulare talmente tanto cibo nei mesi successivi da riuscire a resistere al riparo del proprio nido tutti i 28 giorni di gennaio. Trascorso tale periodo la merla uscì, quando ormai era cominciato febbraio, per procurarsi del nuovo cibo.

La merla cominciò a deridere gennaio, vantandosi di come lo avesse battuto. Offeso dall’impertinenza della merla Gennaio chiese a febbraio (che allora aveva 31 dì) tre giorni in prestito, così da potersi vendicare.

Furono tre giorni di tempesta di neve ininterrotta, tanto da impedire alla merla di tornare al suo nido e da costringerla a rifugiarsi in un camino. Quando terminò il brutto tempo la merla ne uscì era sana e salva: le sue piume erano ormai irrimediabilmente nere e così continuò a essere, mentre gennaio ebbe da allora 31 giorni al posto del mese di febbraio.

30 gennaio 2017
Lascia un commento