Il primo novembre non si festeggia soltanto Ognissanti, ma anche la Giornata Mondiale Vegan. 24 ore per sensibilizzare riguardo l’alimentazione priva di prodotti di origine animale, per sperimentare una cucina diversa dal solito e, perché no, per riflettere più a fondo sui diritti degli animali. Istituito nel 1994, l’evento richiama ogni anno l’attenzione di vegetariani e vegani di tutto il mondo.

L’occasione per celebrare la dieta vegana, ovvero uno stile alimentare che rifiuti il ricorso a qualsiasi prodotto animale compresi uova e latticini, è nata da un’idea di Louise Wallis, presidente negli anni ’90 della branca britannica della Vegan Society.

Per ricordare il cinquantesimo anniversario dell’associazione, fondata nel novembre del 1944, si è deciso di trasformare il primo novembre nella Giornata Mondiale Vegan. Ogni anno la ricorrenza è andata in crescendo, con ristoranti che propongono menu unicamente veg, banchetti informativi, manifestazioni di piazza e, negli ultimi tempi, kermesse off e online.

I cardini del World Vegan Day, questa la sua definizione anglosassone, sono l’etica, l’ambiente e la nutrizione, così come spiega l’associazione AgireOra. Nel primo caso, i sostenitori della filosofia vegan richiedono che agli animali venga riconosciuto il diritto di essere considerati degli esseri senzienti e, pertanto, che siano privati delle torture a cui sarebbero sottoposti per le necessità della nutrizione onnivora.

Si prosegue quindi con l’ambiente, perché il modello di allevamento di animali da carne e da latte non sarebbe sostenibile nel lungo periodo, per approdare a nutrizione e salute, con i benefici che una dieta veg possono avere sull’organismo.

Dal sito Internet dell’associazione è possibile accedere a una lunga lista di materiali per trasformarsi, in questa occasione annuale, da spettatori a parte attiva delle celebrazioni. Disponibili molti banner e contenuti per l’attivismo digitale, da condividere su blog e social network, ma anche documenti dedicati alla stampa per opere di volantinaggio o informazione faccia a faccia. Non manca di certo un’area più gioviale e divertente, quella dedicata ai consigli per organizzare una perfetta serata di risate e compagnia all’insegna della filosofia veg.

28 ottobre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Via:
Lascia un commento