Giornata mondiale Oceani: viaggio Rainbow Warrior al via dalla Spagna

Al via in occasione della Giornata mondiale degli Oceani 2017 il nuovo viaggio della Rainbow Warrior. La nave di Greenpeace salpa per un viaggio che la vedrà toccare Paesi quali Spagna, da cui prenderà il largo oggi, per poi procedere verso Italia, Croazia, Grecia e Bulgaria (ultima tappa presso le coste bulgare del Mar Nero).

=> Leggi l’invito ONU per azioni urgenti a tutela degli oceani

Dopo la partenza dalla Spagna in occasione della Giornata mondiale degli Oceani il viaggio toccherà le coste italiane a partire dal 22 giugno, protagonista Genova. La Rainbow Warrior si recherà poi in Campania e concluderà la sua partentesi nostrana sul versante adriatico. Molte le iniziative previste (eventi e le attività di informazione) durante la navigazione in acque nazionali, che potranno contare sulla collaborazione scientifica dell’Istituto di Scienze Marine del CNR di Genova, della Stazione Zoologica Anton Dohrn di Napoli e dell’Università Politecnica delle Marche.

=> Leggi le previsioni al 2050 sulla presenza di plastica negli oceani

Si tratta di un tour di ricerca scientifica che analizzerà lo stato di salute dei nostri mari. Significativo l’avvio del viaggio in occasione della Giornata mondiale degli Oceani, con Greenpeace che punta a sottolineare i grandi rischi per il Mediterraneo, e non solo, causati dalla presenza di rifiuti derivati dalla plastica. Tali materiali sarebbero stati ritrovati anche a più di 3 kilometri di profondità.

Il rischio per il Mediterraneo è quello di trasformarsi, sottolinea l’associazione, in una vera e propria “zuppa di plastica”. Come ha sottolineato Serena Maso, campagna Mare di Greenpeace Italia:

Secondo alcune stime, ogni anno a livello globale dalle 192 nazioni costiere del Pianeta finiscono negli oceani tra i 4,8 e 12,7 milioni di tonnellate di plastica. Tutto ciò è semplicemente inaccettabile.

Riciclare non basta a risolvere il problema dell’inquinamento da plastica, i governi dovrebbero prima di tutto dare priorità alla prevenzione del problema alla fonte, ad esempio riducendo gli imballaggi e i prodotti monouso, per poi puntare sul riutilizzo e infine sul riciclo.

8 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento