Torna il 5 giugno la Giornata Mondiale dell’Ambiente. L’edizione 2013 avrà come tema principale la lotta contro lo spreco del cibo, un fenomeno che ogni giorno fa da contraltare al crescente numero di persone che non ha accesso alle risorse alimentari. Una sfida che riguarda poi lo stesso clima della Terra in relazione alla CO2 prodotta nella realizzazione e distribuzione di questi alimenti destinati all’immondizia.

>>Leggi le iniziative per la Giornata Mondiale dell’Ambiente 2012

Sarà la Mongolia a ospitare l’evento principale della Giornata Mondiale dell’Ambiente 2013, che avrà come slogan di questa edizione “Think, Eat, Save” (Pensa, Mangia, Risparmia). Un invito globale a prevenire gli sprechi di generi alimentari, che ogni anno riguardano circa un terzo del cibo prodotto durante la catena distributiva che va dal produttore al consumatore. Alimenti che se risparmiati sarebbero sufficienti a sfamare, secondo quanto affermano UNEP e FAO, i circa 870 milioni di persone al mondo che soffrono di denutrizione.

>>Scopri CinemAmbiente a Torino

Al fine di sottolineare le molte possibilità che una conservazione efficiente degli alimenti offre per evitare lo spreco di cibo, UNEP e FAO hanno raccolto in un sito tutte le pratiche di buona gestione delle risorse alimentari, come ad esempio l’essiccazione estrema messa in atto ai tempi di Gengis Khan (tale da ridurre una vacca alle dimensioni di un pugno). Secondo quanto riferito da Achim Steiner, direttore generale dell’UNEP:

Ridurre il cibo sprecato è una sfida economica, etica e ambientale. Uno dei modi è guardare a come culture meno ‘sprecone’ danno valore a ogni singolo boccone e valutare come imitarle.

A partire dal 5 giugno è infine scaricabile gratuitamente il nuovo magazine BCFN (Barilla Center for Food and Nutrition), una rivista per la corretta gestione delle risorse alimentari e che raccoglie i contributi di alcuni di maggiori esperti internazionali riguardo la lotta allo spreco di cibo. Presenti tra gli altri Ren Wang, vice direttore generale FAO, e Barbara Buchner, direttore del Climate policy initiative Europe e membro dell’Advisory Board del Barilla Center for Food and Nutrition.

5 giugno 2013
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento