La società Tohoku Electric Power ha dichiarato che, dopo la forte scossa di assestamento che ha colpito ieri la zona nord-orientale del Giappone, si è verificata una perdita di acqua da alcune vasche di combustibile esausto nella centrale nucleare di Onagawa.

L’impianto, situato nella prefettura Miyagi, era stato chiuso per questioni di sicurezza dopo il terremoto di magnitudo 9 dell’11 marzo scorso e, soprattutto, dopo essere stato direttamente colpito dallo spaventoso tsunami che era seguito alla scossa.

La società che gestisce l’impianto ha confermato che, dopo il terremoto di ieri l’acqua è fuoriuscita dalle vasche presenti nei reattori 1, 2 e 4 e, in tre diversi punti, sono state individuate delle perdite nel reattore 3. Inoltre, due delle tre linee di energia che alimentavano dall’esterno la centrale sono state completamente danneggiate.

Secondo un rappresentante della Tohoku Electric:

Abbiamo individuato un piccolo aumento nel livello di radiazioni all’interno degli edifici dei reattori, e stiamo cercando di localizzare le perdite. Non vediamo comunque variazioni nel livello di radiazioni all’esterno degli edifici dei reattori.

Le operazioni di raffreddamento delle vasche di combustibile esausto, conclude la società, sono riprese immediatamente dopo la piccola interruzione dovuta alla scossa di assestamento.

Ulteriori informazioni arrivano dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea), che sta portando avanti una massiccia attività di monitoraggio del livello di radioattività:

L’epicentro del terremoto era a 20 km dalla centrale nucleare di Onagawa e approssimativamente a 120 km dalle centrali nucleari di Fukushima Daiichi e Daini.

Sulla base delle informazioni raccolte L’Aiea ha confermato l’avvenuta interruzione dell’energia elettrica in diversi impianti nucleari giapponesi ma ha ribadito che la situazione è sotto controllo grazie alla fornitura di energia di emergenza. Dopo la scossa di ieri, inoltre, a Fukushima non ci sarebbero state variazioni nel livello di radiazioni.

8 aprile 2011
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento