Fra i servizi più gettonati nell’era della comunicazione digitale, la cartografia da strada è quella che coglie i maggiori successi. Grazie alle tecnologie di navigazione a 360 gradi – basti pensare a Google Street View – ci si può immergere da remoto in qualsiasi via del mondo, perlustrando percorsi, ammirando edifici, pianificando al meglio un tragitto per un viaggio. Cosa può accadere, tuttavia, se l’occhio attento della telecamera fosse abbassato a portata di gatto? È quello che succede in Giappone, nella città di Onomichi nella prefettura di Hiroshima, dove è nato il “Cat Street View”: mappe a 360 gradi, come quelle già ben note di Google, realizzate però dal punto di vista dei felini.

La città nipponica è nota in tutto il mondo per la sua grande presenza di gatti, degli esemplari perfettamente integrati nella vita quotidiana urbana, amati dalla popolazione e coccolati da numerose famiglie che se ne prendono cura. Forse per approfittare di questa fama e alimentare così il turismo, si è deciso di lanciare un servizio di cartografia dal punto di vista dei felini, completo non solo di percorsi e vie, ma anche di luoghi d’interesse, cenni storici e biografie miagolanti. Al momento, però, la singolare iniziativa è disponibile solo in giapponese.

Il funzionamento dell’originale mappa è molto semplice, eppure decisamente più coinvolgente rispetto ai classici servizi, utilizzati da milioni di persone ogni giorno. Oltre alla possibilità di spostarsi agilmente all’interno della città, infatti, si odono anche i rumori ambientali: miagoli, automobili, mezzi pubblici, passi degli abitanti. Per navigare a 360 gradi, ci si sposta sulla mappa utilizzando il mouse – il puntatore è per l’occasione trasformato in una zampetta felina – mentre per ingrandire o allargare la visuale si tiene premuto il tasto CTRL, o CMD su Mac. Qualora si volesse saltare da una parte all’altra della mappa, infine, è sufficiente selezionare un punto d’interesse sul riquadro a sinistra.

Non è però tutto: di tanto in tanto, un pop-up con la fotografia del felino inquadrato rimanderà un messaggio, forse una breve biografia o una curiosità sul luogo. Un’informazione tuttavia difficile da cogliere, almeno fino a quando non verrà lanciata la versione inglese. “Cat Street View” può essere raggiunto a questo indirizzo.

3 settembre 2015
Lascia un commento