I ghiacciai, oltre a essere importanti riserve di acqua dolce, fungono da deposito naturale per la CO2. Il loro precoce scioglimento a causa dell’aumento delle temperature può causare danni irreversibili agli ecosistemi terrestri accelerando l’innalzamento dei livelli degli oceani e aggravando il riscaldamento globale.

Un recente studio, condotto dai ricercatori della University of London, ha scoperto che i ghiacciai della penisola antartica, la regione più a Nord del circolo polare antartico, si stanno sciogliendo a un ritmo più veloce del previsto. Secondo i dati evidenziati dall’analisi degli scienzati britannici, pubblicata sulla rivista scientifica Nature Climate Change, i ghiacciai si starebbero riducendo a dispetto delle nevicate abbondanti.

Stando alle previsioni del dottor Bethan Davies, autore principale dello studio, i piccoli ghiacciai dell’Antartide sono altamente vulnerabili anche alla più impercettibile variazione di temperatura nell’atmosfera. Il rischio è che scompaiano nell’arco dei prossimi 200 anni.

Un rischio che si fa sempre più concreto, dal momento che le temperature continuano ad aumentare in Antartide. Questo poiché l’aria calda è più umida, le nevicate sono aumentate in intensità e frequenza, ma questo incremento evidentemente non basta ad accrescere la superficie dei ghiacciai. Come ha illustrato lo stesso Davies:

Questi piccoli ghiacciai localizzati ai margini della Penisola Antartica possono contribuire in modo rivelante all’innalzamento del livello del mare nel corso dei prossimi decenni, perché reagiscono molto rapidamente al cambiamento climatico.

Questo studio è il primo a mostrare come i piccoli ghiacciai risponderanno ai cambiamenti climatici in futuro. I nostri risultati dimostrano che lo scioglimento aumenterà notevolmente anche con un lieve incremento della temperatura, annullando gli eventuali benefici di maggiori nevicate.

I ricercatori hanno analizzato un piccolo ghiacciaio lungo 4 chilometri sull’isola di James Ross, nel nord della penisola antartica, osservandone i cambiamenti nel corso degli ultimi 10.000 anni.

Dall’analisi è emerso che il ghiacciaio ha smesso da tempo di crescere e si sta sciogliendo molto velocemente, tanto da poter scomparire nei prossimi 200 anni. Una sorte comune a tanti altri piccoli ghiacciai antartici.

15 settembre 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento