“All turtles are not equal”, non tutte le tartarughe sono uguali. Comincia così un comunicato della Florida Fish and Wildlife Conservation Commission (FWC), per allertare turisti e passanti di un comportamento erroneo, negli ultimi tempi in crescita. Sembra, infatti, si siano verificati dei casi di trasporto in acqua di testuggini gopher, il cui habitat è però la terraferma. Molti avrebbero scambiato alcuni esemplari autoctoni con tartarughe marine.

Stando a quanto riportato, lo scorso mese la commissione avrebbe ricevuto tre segnalazioni a tema. Degli anonimi passanti, convinti di fare un’azione positiva, avrebbero gettato in acqua alcune testuggini intente a covare, confondendole con esemplari marini. Queste varietà, disponibili nel Nord America in diverse specie dal Texas alla Florida, non sanno però nuotare.

La confusione nascerebbe dall’abitudine di molte testuggini, soprattutto con l’arrivo della primavera, di avvicinarsi alle dune sulle coste. Eppure, come sempre la FWC sottolinea, vi è un modo semplice per non cadere in errore: in qualsiasi parte del mondo ci si trovi, in linea di massima per distinguere una tartaruga di terra da una marina è sufficiente osservare le zampe. Le prime presentano artigli, con cui possono agilmente spostarsi su terreni e sterpaglie. Le seconde, invece, hanno zampe a forma di pinna, affinché possano massimizzare le loro capacità di perfette nuotatrici. In ogni caso, qualora non si avesse dimestichezza con il riconoscimento di animali in libertà, è sempre meglio allertare le autorità o del personale esperto prima di procedere, date anche le pericolose conseguenze.

Quello elencato è il secondo caso, in pochi giorni, di comportamenti errati da parte dei comuni cittadini nei confronti degli animali. Solo ieri, infatti, la notizia di un piccolo lago statunitense completamente invaso dai pesci rossi, una seria minaccia per l’ecosistema e la biodiversità locale. Secondo gli esperti, sarebbero stati rilasciati in numeri esigui da qualche ex proprietario, per poi riprodursi rapidamente in acqua.

10 aprile 2015
In questa pagina si parla di:
Fonte:
FWC
Via:
Lascia un commento