Gettano cane dal cavalcavia, due lavoratori lo salvano

Un nuovo atto di crudeltà sugli animali si verifica ai danni di un piccolo cane, un cucciolo dalle poche settimane di vita. Il quadrupede è stato infatti gettato da un cavalcavia sulla superstrada nei pressi dell’ospedale Santissima Trinità di Sora, da ignoti che evidentemente desideravano sbarazzarsene. Fortunatamente, due lavoratori presenti sul posto hanno assistito alla scena, recuperando immediatamente l’esemplare e prestando il primo soccorso.

La vicenda è accaduta lo scorso venerdì, così come riporta Il Gazzettino, in pieno pomeriggio. Un individuo, al momento non identificato, ha deciso di gettare un piccolo cagnolino dal cavalcavia sulla superstrada nei pressi del già citato nosocomio, per poi fuggire rapidamente. Due dipendenti di una ditta locale di affissioni, impegnati in un intervento sul posto, hanno tuttavia visto l’intera scena, soccorrendo immediatamente l’animale.

=> Scopri il cucciolo con le zampe storte salvato dalla soppressione


Il volo da diversi metri non si è rivelato fatale per il cucciolo – un meticcio dal manto bianco e nero – poiché miracolosamente attutito dalla vegetazione a lato della carreggiata. I due lavoratori hanno quindi raggiunto la zona della possibile caduta e, seguendo i guaiti del quadrupede, sono riusciti a recuperarlo tra cespugli e rovi. Il piccolo è stato prontamente affidato alle cure di un veterinario.

=> Scopri il cucciolo salvato da una cagnolina randagia


Al momento, non sembrano essere disponibili ulteriori informazioni sulla persona che ha optato per un gesto così crudele, una violenza che solo per un caso fortuito pare non si sia rivelata fatale. Nel frattempo, il cane non ha fortunatamente riportato ferite gravi e, dopo le prime cure di rito, verrà sottoposto al normale ciclo di vaccinazione. Quando le condizioni di salute lo permetteranno, l’animale sarà quindi reso adottabile, nella speranza possa trovare una famiglia amorevole che possa occuparsi delle sue esigenze senza remora alcuna.

19 marzo 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento