In Islanda è stato testato il primo impianto geotermico alimentato da magma. La novità, che potrebbe aprire nuovi orizzonti nel settore delle fonti rinnovabili, è in realtà frutto del caso. Nel corso di una prospezione a Krafla, nel nord-est dell’Islanda, del magma è penetrato inaspettatamente nel pozzo scavato dai tecnici. La stessa cosa era accaduta solo una volta prima, alle Hawaii.

La perforazione era stata fatta a una profondità di 2.100 metri e la temperatura del magma era di circa 900-1.000 gradi Celsius. Il pozzo ha generato vapore ad alta temperatura per i due anni successivi, ma poi è stato chiuso per la necessità di alcuni interventi in superficie.

Ha dichiarato Wilfred Elders, professore emerito di geologia presso l’Università della California:

In futuro, il successo di questo progetto di perforazione e ricerca potrebbe portare a una rivoluzione in termini di efficienza energetica nelle aree geotermiche ad alta temperatura in tutto il mondo. In sostanza. Essenzialmente, in Islanda è stato creato il primo sistema geotermico a magma del mondo, il primo in assoluto a fornire calore direttamente dal magma fuso.

Il pozzo sperimentale a magma è stato il più potente del mondo per diversi mesi, emettendo vapore a temperature che superavano i 450 gradi. In seguito all’esperienza islandese, il National Renewable Energy Lab (NREL) ha creato delle speciali mappe del potenziale geotermico negli Stati Uniti.

24 gennaio 2014
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento