I suoi scatti sono apparsi sulla piattaforma di sharing fotografico Imgur, quindi sono stati condivisi su Reddit. Quanto basta per renderlo il nuovo fenomeno virale della Rete, tra condivisioni compulsive sui social network e molti commenti d’apprezzamento. Il protagonista di questa improvvisa fama è George, un gatto dalle abitudini particolari: il micio, infatti, si trova a suo agio nell’ergersi solo sulle zampe posteriori. E il Web lo ribattezza come il “gatto bipede”.

Le immagini sono state pubblicate dal proprietario, un utente che si identifica come Egzo sulla piattaforma Reddit. Il gatto è ripreso in diverse occasioni domestiche, tutte in posizione eretta sulle due zampe: lo si ammira in piedi sul divano, intento a scrutare il contenuto di una cesta, ma anche comodamente adagiato su una sedia mentre il compagno umano si diletta con la chitarra. A completare la simpatia delle fotografie, le espressioni del musetto del felino: lo si nota sorpreso, preoccupato, indifferente oppure arrabbiato.

Dato il manto rossiccio, le espressioni buffe e il portamento decisamente umano, molti utenti di Reddit hanno ribattezzato il micio Garfield, in onore del personaggio di fumetti e cartoni animati. La singolarità delle sue abitudini ha stuzzicato la curiosità dei navigatori di tutto il mondo, tanto da rendere l’ignaro micio uno degli esemplari più famosi, il tutto in pochissimi giorni.

Non è la prima volta che giungono notizie di gatti pronti a passare la loro esistenza sulle due zampe posteriori. Ma, nella quasi totalità dei casi, si tratta di felini con problemi pregressi, come difficoltà di deambulazione dovute a una paralisi, all’assenza degli arti oppure a difformità ossee. George, invece, appare in piena salute: la sua, a quanto sembra, è una preferenza del tutto innata e personale. Dalla pubblicazione online non è chiaro quanto frequentemente assuma questa postura, né quando sia iniziata la singolare abitudine. Non resta che attendere, di conseguenza, nuovi aggiornamenti sul conto di questo simpatico animale.

23 aprile 2015
Lascia un commento