Non è un semplice cane di affezione o di amicizia: George è un animale di assistenza che svolge un lavoro di servizio. Il simpatico e dinoccolato animale, di razza Alano Tedesco, è il valido compagno di una bambina americana di 11 anni, Bella, vittima della Marquio Syndrome (o sindrome di Morquio). La malattia di tipo genetico è caratterizzata da una carenza enzimatica che favorisce la displasia sistemica delle ossa. La sindrome tende a peggiorare con il tempo, quindi la piccola era arrivata al punto di non poter più utilizzare neppure le stampelle.

L’arrivo del cane un anno fa ha cambiato definitivamente la qualità della sua esistenza, permettendole di andare a scuola camminando da sola. Bella, di Woburn nel Massachusetts, ha subito nove interventi chirurgici per rallentare il decorso della patologia. Negli anni si è avvalsa di stampelle normali, stampelle canadesi, deambulatori e sedie a rotelle. Ma l’arrivo di George ha permesso a Bella di abbandonare il tutto aggrappandosi letteralmente al cane, infatti la bambina cammina appoggiandosi alla schiena dell’Alano.

Bella e George

Bella e George via Facebook

Il servizio che svolge con concentrazione e serietà gli è valso il riconoscimento 2015 dell’AKC Humane Fund Award for Canine Excellence, mentre il suo addestramento è stato curato dal Service Dog Project di Ipswich. Da quando i due hanno fatto conoscenza non si sono più lasciati e le gesta vengono narrate attraverso la loro pagina Facebook. George conosce tutti i luoghi che la bambina deve raggiungere, l’accompagna nelle classi per i corsi che deve seguire e attende paziente seduto accanto ai suoi piedi. Pronto a mettersi in azione nel caso la bambina ne avesse bisogno. Dorme con lei nello stesso letto, nonostante la mole ingombrante, ma non si sottrae a momenti di gioco e svago. A dispetto della sua stazza George è un cane di assistenza e guida e per questo motivo, come sottolinea la stessa Bella, durante la fase di lavoro non andrebbe accarezzato per non provocare distrazioni di sorta.

9 novembre 2015
Fonte:
Lascia un commento