Gelosia del cane: consigli e tecniche

La gelosia è un sentimento molto comune anche tra gli animali, gli stessi cani non sono esenti dal provarla. I fattori scatenanti sono tanti, ad esempio l’ingresso di un nuovo animale domestico in famiglia, oppure la nascita di un figlio o ancora il troppo interesse del proprietario rivolto a un altro animale. La gelosia è un sentimento forte che il cane non riesce ad affrontare cercandone le motivazioni e ragionando in modo lucido. Per questo è una fonte di stress e ansia, a cui reagisce in modo istintivo con rabbia e nervoso (abbaiando, distruggendo oggetti, diventando aggressivo) oppure richiudendosi in uno stato depressivo che può renderlo apatico e inappetente.

Come confermano gli studi di Paul Morris, dell’Università di Portsmouth in Inghilterra, la gelosia è un sentimento molto frequente nei cani, oltre alla rabbia, l’ansia, l’orgoglio, l’imbarazzo, il timore e la vergogna. Per impedire questa deriva comportamentale è bene eliminarne la causa, il vero motivo per cui la routine canina viene modificata. Ma é impossibile farlo in presenza dell’arrivo di un nuovo figlio o di un nuovo convivente, ad esempio un partner o un coniuge? Cosa si può fare? Si agisce esattamente come se il cane fosse il fratello maggiore e lo si coinvolge nella nuova dinamica, senza dimenticare le continue dimostrazioni d’affetto spartite in eguale misura.

Raddoppiare l’attenzione nei confronti del cane non comporta solo carezze, baci, crocchette e premi. Ma un maggior coinvolgimento nella vostra vita, quindi più passeggiate, più gioco, più dialogo fisico e verbale. Il cane assimila ciò che gli viene indirizzato, comprende apertamente gesti e tonalità, perciò l’interazione è fondamentale. Importante inserire il nuovo arrivato nella gerarchia del branco del cane, quindi nel caso di un bimbo dovrete responsabilizzare Fido facendovi accompagnare nelle passeggiate. Oppure indicandogli di fare la guardia alla culla, a prescindere dalla razza e dal formato, rendendolo consapevole della nuova presenza.

Nel caso di un cucciolo sarà il nuovo arrivato a comprendere la scala sociale interna al branco, dimostrando rispetto nei confronti del veterano. Ma è importante aiutare il secondo ad accogliere la new entry, ad esempio senza prendere le parti durante una discussione a base di ringhiate. È bene consentire un chiarimento autonomo, separandoli solo in caso di sviluppi troppo aggressivi. E nel caso ci si volesse schierare è bene farlo per il cane più anziano, così da rinforzare la gerarchia casalinga e impedire scontri violenti. Non dimenticate di accogliere il nuovo ingresso in modo positivo, con la pratica del buonumore, incentivando il tutto con sorrisi, risate, saltelli di gioia e tante carezze. In questo modo il cane potrà assimilare la positività dell’evento assorbendola nel modo giusto.

È bene mantenere sempre l’indole di ognuno quindi impedendo che i cani spartiscano ciotole, giochi o cucce, ogni elemento dovrà essere autonomo quindi raddoppiato. Consentite ai due nuovi coinquilini di conoscersi e studiarsi, dimostrando un atteggiamento sereno e positivo che farà da fluidificante per la situazione.

2 settembre 2013
I vostri commenti
Elisabetta , venerdì 3 agosto 2018 alle12:51 ha scritto: rispondi »

Buongiorno io ho un grosso problema da risolvere da qualche mese il mio compagno si e trasferito da me con il suo cane un pastore tedesco di quasi 3 anni siamo sempre stati insieme giocato ecc i le prime settimane che si sono trasferiti lo portavo fuori io da sola ma da due settimane ha iniziato nel ringhiarmi e volermi attaccare...e sempre in fase di attacco verso di me ora appena vede CGE mi avvicino al mio compagno idem come posso risolvere il problema essendo che non mi vuole neanche più fare entrare in casa.....e poi passiamo molto tempo io e lui da soli a casa ma ora io ho paura....aiutatemi

Viola Yael, domenica 15 aprile 2018 alle16:20 ha scritto: rispondi »

Ciao Mara chiedi supporto a un educatore, così che possa aiutarti nella socializzazione. Per evitare che il cane adulto si senta escluso rivolgi sempre prima a lui le tu attenzioni e poi al cucciolo, ma chiedi supporto a un educatore

Mara De Maria, sabato 31 marzo 2018 alle9:26 ha scritto: rispondi »

Ho una maltese di 6 anni circa.CHANEL....da una settimana ho regalato a mio figlio una Bulldog francese e ha 4 mesi e mezzo............Chanel inizia a mostrare segni di inappetenza e non vuole giocare con la cucciola anche perche' la cucciola è molto affettuosa e vuole giocare persino quando Chanel è intenta a fare bisognini.........COME DEVO FARE A FARLE SOCIALIZZARE e soprattutto come far capire a Chanel che lo l'amo sempre .Sono molto preoccupata per Chanel

Viola Yael, lunedì 6 febbraio 2017 alle15:48 ha scritto: rispondi »

Ciao Ivana magari segui qualche lezione con il comportamentista, per imparare i comandi da impartire ai tuoi animali. Potrebbe essere la soluzione migliore. Spero il piccolo stia bene, ma tu aggiornaci con gli sviluppi.

Ivana, lunedì 6 febbraio 2017 alle10:29 ha scritto: rispondi »

Ieri ho dovuto dare in adozione un cucciolo di 2 mesi di pastore maremmano perche i miei 2 meticci l hanno aggredito più volte rischiando la vita mi rendo conto che ho sbagliato a non gestire le prime volte gia prevenuta del fatto che i miei 2 di 3 anni sn asociali con i 4 zampe, al primo ringhio mi sn spaventata. Ieri è venuto un educatore/addestratore che dopo aver creato un minimo.di rapporto con i 2 adulti ha uscito Tommu da casa ( viste le circostanze lo tenevo dentro)in braccio, subito il maschio si è fiondato per aggredire il cucciolo a morsi, l allenatote ha sbattuto a terra il guinzaglio per farlo allontanare a quel punto è imtervenuta la femmina cje ha preso a morsi l.addestratore che a quel punto ha dovuto mettere a terra il cucciolo continuemte aggredito. Il cucciolo sta bene ed io sto malissimo, l educatore mi ha detto che non ho messun controllo sui miei 2...giq altrimemti mi avrebbero ascoltato, adesso ho dovuto dar via il piccolo e sto malissimo!

Lascia un commento