I social network l’hanno già ribattezzato il “gatto-vampiro”, per via delle sue affilate e insolite zanne. E, con la festa di Halloween appena trascorsa, è sembrato uno dei candidati ideali per le condivisioni virali su Facebook e Twitter. Eppure Monkey, questo il nome dell’ammirato felino, vive una vita del tutto pacifica e serena, ben lontano dai paurosi castelli della Transilvania. Anzi, la sua storia di vita è particolarmente commovente, grazie all’amore dimostrato dalla sua inseparabile proprietaria.

L’incontro tra il gatto e Nicole Rienzie è avvenuto qualche anno fa: la giovane, di rientro a casa, ha visto un piccolo gattino davanti alla sua auto, fermo per strada. Scesa dalla vettura, Nicole ha inseguito il gatto per trarlo in salvo, considerato come le sue condizioni apparissero precarie. Magro, malnutrito e ricolmo di parassiti, l’animale presentava un’infezione agli occhi. Tratto in salvo e cominciate le cure veterinarie, l’amore tra il gatto e la sua proprietaria è scoccato sin da subito, tanto da essere rimasto intatto nel tempo.

=> Scopri tutte le curiosità sui gatti


Inizialmente Nicole aveva chiamato il gatto Sergio, così come riferisce The Dodo, ma la personalità energica dell’animale, nonché la sua inclinazione curiosa al mondo, ne hanno decretato il nome Monkey. Con la crescita, tuttavia, all’animale sono spuntati due lunghissimi canini superiori, dalla lunghezza anomala, tanto da sfiorarne la mascella e conferire al quadrupede l’aspetto tipico di un vampiro.

Questa condizione, tuttavia, non impedisce al gatto di vivere una vita assolutamente normale, senza nessuna conseguenza per la salute. Questa particolarità, tuttavia, ha attirato le curiosità di molte persone, tanto che la proprietaria ha deciso di aprire un account Instagram dedicato, oggi decisamente seguito dai navigatori del social network fotografico, pronti a complimentarsi per la bellezza dell’animale, spesso protagonista anche di alcuni irresistibili meme mirali. Di seguito, uno scatto tratto proprio dal profilo Instagram a lui dedicato.

3 novembre 2016
Fonte:
Lascia un commento