Avevano forse perso le speranze di ritrovarlo in vita, dopo circa sette settimane di assenza da casa. Eppure, dopo oltre due mesi, il gatto è ricomparso, visibilmente dimagrito e oltretutto ubriaco. È quanto è accaduto a uno sfortunato felino di razza Angora Turco, rimasto inavvertitamente chiuso nella cantina vinicola dei vicini: durante la sua prigionia, il quadrupede avrebbe infranto alcune bottiglie di pregiato vino, bevendone parte del contenuto.

Aljosha, questo il nome del gatto, è rimasto a lungo lontano dalla sua casa, nella Renania Settentrionale-Vestfalia, dove i proprietari avevano ormai perso le speranze di ritrovarlo. Lo scorso luglio, infatti, l’esemplare di sei anni è uscito per la sua quotidiana passeggiata, senza però fare ritorno per il pranzo come sua abitudine. È così partita una campagna di ricerca, fatta di richieste ai vicini di casa e oltre 150 cartelli appesi nella speranza di un avvistamento.

Dopo ben sette settimane, il gatto è riapparso, affamato e vagamente ubriaco. Stando ai resoconti della stampa tedesca, infatti, durante la sua prigionia il felino avrebbe approfittato di tre diverse bottiglie di vino bianco, dal valore dalle cinque alle 20 euro ciascuna. Fatte forse cadere inavvertitamente, il gatto sembra ne abbia bevuto parte del contenuto: un fatto che ha permesso all’animale di non incorrere forse in disidratazione, ma che ha causato un preoccupante livello di alcol nel circolo sanguigno.

Trasportato immediatamente dal veterinario, al gatto è stato riscontrato un avvelenamento da alcolici e, dopo tre giorni di cure intense e flebo, ha potuto fare ritorno a casa. La vicenda è immediatamente diventata virale sui social network, dove l’esemplare in questione è già stato ribattezzato come l'”Hangover Cat”, il micio con i postumi da sbornia. Il fatto importante, tuttavia, è constatare come ora il quadrupede si sia rimesso in piena salute, pronto a godere nuovamente dell’affetto dei suoi cari proprietari.

21 ottobre 2015
Fonte:
Via:
I vostri commenti
Patrizia, giovedì 22 ottobre 2015 alle2:21 ha scritto: rispondi »

Questo è un dispetto! È strano che non si apra una cantina per sette mesi! E se ci fosse entrato un bambino?

Lascia un commento