Gatto sveglia il proprietario, salvandolo da un incendio

Un gatto ha cercato in ogni modo di svegliare il proprietario, per salvarlo da un grave incendio. Un atto davvero coraggioso per un animale indipendente quanto il felino domestico: anziché cercare una via di fuga, il quadrupede si è preoccupato dell’incolumità del suo compagno umano, garantendogli la salvezza.

Il tutto è accaduto in Nuova Zelanda pochi giorni fa, quando le fiamme hanno improvvisamente avvolto una fattoria di Whanghara. Gestita da una coppia, al momento dell’incendio nella struttura era presente solo un uomo, poiché la compagna si trovava fuori città per alcuni impegni di lavoro. Partito il fuoco, il gatto di casa ha avvertito il pericolo e, anziché trovare una rapida via di fuga, a immediatamente raggiunto il proprietario a letto, balzando ripetutamente sul suo corpo e miagolando ininterrottamente per svegliarlo.

=> Scopri il cane che salva una neonata dall’incendio


La ricostruzione è stata confermata dagli agenti della polizia locale e dai vigili del fuoco della Gisborne Station, immediatamente giunti sul luogo:

Quando siamo arrivati la struttura era completamente avvolta dalle fiamme. La nostra prima priorità è stata quella di spegnere l’incendio, affinché non coinvolgesse la vicina collina, gli alberi e la vegetazione. In questo luogo vive una coppia, l’uomo stava dormento quando l’incendio è scoppiato, mentre la moglie si trovava fuori città. È stato svegliato dal suo gatto, saltatogli sul corpo. Si è quindi alzato, trovando fumo nel salotto e in cucina, ed è ha lasciato il palazzo attraverso una finestra della camera da letto.

=> Scopri il cane che ha salvato la sua famiglia dall’incendio


Al momento non è nota la causa dell’incendio, forse un cortocircuito, ma gli esperti sembrano essere concordi: senza l’allerta del felino, non vi sarebbero state molte speranze. I fumi tossici, inalati durante il sonno, avrebbero potuto infatti provocare una veloce perdita di coscienza, con conseguenze potenzialmente gravissime.

26 ottobre 2018
Fonte:
UPI
Lascia un commento