Ha del miracoloso la vicenda occorsa a un piccolo gattino, rimasto praticamente illeso da un’esperienza che per molti altri felini sarebbe stata letale. Il micio è infatti sopravvissuto a ben 250 chilometri di strada percorsa sotto il cofano di un’auto, rinchiuso nella vettura per ben una settimana. Al ritrovamento, fatta eccezione per un comprensibile spavento, nessuna grave conseguenza per il coraggioso animale, tanto da meritarsi il nome di Lucky, ovvero “fortunato”.

Il tutto è capitato nei pressi di Wolverhampton, nel Regno Unito, quando il gattino – una femmina – ha attraversato velocemente la strada al passaggio della vettura di Michael Dunn. Sceso dall’auto, una Mazda MX5, l’assenza di tracce del felino aveva fatto ipotizzare a una veloce fuga, forse spaventato dal veicolo. In realtà, il micio aveva trovato riparo all’interno del vano motore, dove è stato rinvenuto dopo una settimana.

L’incredibile scoperta è quasi avvenuta per caso: durante la guida, infatti, il proprietario dell’auto ha udito dei rumori simili a dei miagolii e, così, ha aperto il cofano. Ad attenderlo la gattina, di circa sette settimane d’età, liberata grazie anche all’aiuto di un esperto meccanico. Ora il quadrupede è stato adottato da Micheal Dunn e dalla moglie, i quali hanno deciso di chiamarlo Lucky per la miracolosa salvezza nonostante una settimana di improvvisata prigionia e oltre 250 chilometri percorsi. Così hanno spiegato i nuovi proprietari alle testate britanniche:

Ha vissuto sopra la scatola del cambio per una settimana.

Condotto immediatamente dalla RSCPA subito dopo il ritrovamento, il gatto si trova in buone condizioni di salute, senza nessuna grave conseguenza per la sua disavventura. Non è inusuale, soprattutto con la riduzione delle temperature, che i gatti trovino rifugio sotto al cofano delle auto o fra le ruote delle stesse. Per questo, prima di mettersi in moto, è sempre consigliato controllare, soprattutto se la zona fosse abitualmente battuta sia da esemplari randagi che domestici.

6 ottobre 2015
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento