È una razza felina forse non fra le più note, sebbene negli ultimi anni abbia riscosso un certo successo, poiché considerato un animale la cui compagnia è adatta anche ai soggetti allergici. Il gatto siberiano è un esemplare a pelo lungo dall’estrema eleganza, dall’animo dolce e affettuoso, nonché dal portamento fiero. Ma quali sono le sue caratteristiche, quali la storia e le necessità di accudimento?

Di seguito, le informazioni di base su questa razza felina, dalla scoperta fino agli stili alimentari, passando anche per il prezzo medio di mercato per i cuccioli.

Gatto siberiano: storia, necessità e prezzo

La storia del gatto siberiano affonda le sue radici in un passato lontano: si ritiene, infatti, che la razza sia nata da una selezione naturale tra il gatto selvatico dei boschi e il felino domestico, poi trasferito da alcuni coloni in Siberia attorno al 1050. Dal punto di vista scientifico, i primi documenti su questo esemplare risalgono all’Inghilterra del 1700, sebbene l’approdo in Europa sia molto recente: venne importato da una coppia di coniugi nell’allora Cecoslovacchia nel 1989. In Italia, invece, la razza è stata riconosciuta nel 1998.

=> Scopri gli sviluppi sull’allergia ai gatti


Il gatto siberiano si caratterizza per un pelo abbastanza lungo, dovuto alle necessità di protezione dal freddo delle zone d’origine, di varie tonalità, dal grigio intenso alle sfumature di marrone. Presenta inoltre ciuffi di manto sulle zampe, un fatto che ne garantisce una perfetta camminata anche sulla neve fresca, nonché uno strato di pelo vicino all’epidermide resistente all’acqua, che aiuta l’animale a mantenere le funzioni di termoregolazione anche nei climi più rigidi. La stazza è massiccia, ma non eccessiva, con circa 6-9 chili di peso per i maschi e 4-6 per le femmine. Particolarità unica nel suo genere, è la mancata produzione della proteina Fel D1: questa è la responsabile dell’allergia ai felini nei soggetti predisposti e, di conseguenza, il gatto siberiano può essere considerato una razza ipoallergenica a tutti gli effetti. Il muso è infine rotondo, con grandi occhi ovali, solitamente di colore ambrato

Dal portamento elegante e molto fiero, il gatto siberiano può contare su un animo dolce e sereno. Raramente dimostra comportamenti aggressivi, anche perché tende legarsi profondamente ai membri della propria famiglia: si tratta, infatti, di un felino che non ama lunghi momenti di solitudine, anzi potrebbe addirittura soffrirne. Allo stesso tempo, l’animale è spinto all’attività, alla perlustrazione degli spazi e al gioco: sarà quindi necessario fornire numerosi stimoli per mantenere la sua curiosità elevata. Le capacità riproduttive partono intorno a un anno, sebbene la piena maturità sessuale giunga più tardi, attorno ai quattro. Le femmine sono in grado, di norma, di partorire 3-4 cuccioli alla volta.

=> Scopri il miglior cibo umido per gatti


Sul fronte dell’alimentazione, questa razza non necessita di particolari esigenze, anche perché la forte attività giornaliera mantiene abbastanza remota la possibilità del sovrappeso. Ovviamente, in caso di felini sterilizzati, utile sarà scegliere una dieta che provveda al benessere delle funzioni renali. Ama particolarmente il pesce, specialmente cotto, e non disdegna il cibo umido, mentre utile sarà incentivare il consumo di liquidi durante la giornata.

Il prezzo per i cuccioli è di circa 1.000 euro per esemplare, anche se vi può essere una certa variabilità a seconda delle linee di sangue o certificazioni speciali.

7 agosto 2017
Lascia un commento