Gatto rimane tre giorni sopra a un palo dell’elettricità

È diventato a sua insaputa una piccola star dei social network, complice anche la trasmissione in diretta su Facebook della sua impresa e il successivo salvataggio. Ultimo protagonista delle condivisioni virali è un gatto di Phoenix, negli Stati Uniti, rimasto per ben tre giorni accucciato sulla cima di un palo per la fornitura di energia elettrica.

Il tutto è accaduto negli ultimi giorni, precisamente dallo scorso venerdì: Gypsy, un gatto domestico, si è infatti arrampicato su un palo dell’elettricità, raggiungendone la cima. Conquistata l’alta vetta, però, il felino non è più riuscito a scendere, rimanendo così bloccato.

=> Scopri il gatto salvato dall’inceneritore


Data la singolare posizione, in molti hanno notato la presenza del gatto, tanto da allertare le autorità. Nel mentre, sul posto sono giunte delle troupe televisive e contestualmente è partita una diretta sui social network. Secondo quanto riportato dal New York Post, testata che ha ricostruito le vicende dell’animale, il video ha subito attirato grandi attenzioni a livello internazionale, con più di 9.000 condivisioni in tutto il mondo nella sua prima ora di disponibilità.

Per il salvataggio, però, il gatto ha dovuto attendere qualche giorno. Il dipartimento locale dei pompieri, nonostante sia stato sommerso di segnalazioni, non ha infatti potuto contare su risorse a disposizione, tutte impegnate in salvataggi umani. Lunedì, tuttavia, gli operai della società elettrica sono giunti sul posto e hanno potuto finalmente portare in salvo il felino. Gypsy è apparso in buona salute e solo minimamente spaventato, tant’è che nella lunga diretta Facebook è stato più volte inquadrato nel mentre di un pisolino improvvisato o pronto a lisciarsi il manto, nonostante l’altitudine.

=> Scopri il gatto salvato dalla vodka


Il felino non è randagio e, a quanto sembra, i proprietari hanno appreso dall’accaduto proprio tramite i media: non è insolito, secondo quanto riferito, che l’animale si allontani momentaneamente da casa.

29 marzo 2018
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento