È rimasto senza cibo né acqua per ben 11 giorni, resistendo anche allo scarso riciclo d’aria di un ambiente completamente chiuso. Eppure si trova in buone condizioni di salute, fatta eccezione per un lieve calo di peso e la conseguente disidratazione. È questa la storia che ha visto protagonista un gatto, bloccato per oltre 10 giorni all’interno di un’automobile, lasciata all’interno del parcheggio di un aeroporto.

Il tutto è accaduto in quel di Manchester, quando alcuni staff della struttura di volo hanno rinvenuto il gatto Willow all’interno dell’abitacolo di una vettura. L’auto, infatti, si trovava presso il Terminal 1 del locale aeroporto. Immediatamente liberato, il felino è stato condotto immediatamente presso il centro veterinario Woodcroft Vets, dove ha ricevuto le prime cure del caso: l’esemplare è stato giudicato denutrito e disidratato, ma non in pericolo di vita.

Dotato di microchip, i proprietari dell’animale sono stati immediatamente contattati: stando alle ricostruzioni, sembra che il gatto fosse sparito da casa da diversi giorni, tanto da aver fatto perdere completamente le sue tracce. Secondo le ricostruzioni, è possibile che Willow si sia recato nei pressi dell’aeroporto e, durante le operazioni di carico e scarico dei bagagli della vettura di qualche turista, sia rimasto inavvertitamente intrappolato.

Il gatto, il quale ha già ricominciato ad alimentarsi regolarmente, è stato quindi ricongiunto con i suoi proprietari, felici di averlo potuto nuovamente stringere fra le braccia. Non è la prima volta, però, che questi esemplari domestici dimostrano un’incredibile resistenza: qualche mese fa, ad esempio, un gatto è sopravvissuto a un trasloco da una parte all’altra degli Stati Uniti, rimanendo per molte settimane intrappolato all’interno di una scatola di cartone. Secondo le fonti del Regno Unito, in ogni caso, pare che Willow sia stato fortunato per le ridotte temperature di questa primavera tiepida: gli abitacoli delle auto, infatti, si scaldano molto velocemente nei periodi afosi dell’anno, trasformandosi in trappole mortali.

23 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento