I gatti randagi vengono di solito raccolti da volontari di gattili e rifugi per toglierli dalla strada o, in alternativa, sono condotti presso le strutture da qualcuno che li ha salvati da un tragico destino. Non era mai capitato, però, che un micio decidesse di recarvisi di sua spontanea iniziativa. È quello che è successo in quel di Berlino, nel distretto di Hohenschönhausern.

Il tutto è accaduto lo scorso marzo quando il gatto, entrato nel giardino della struttura, si è abbeverato da uno stagno e ha atteso pazientemente che qualcuno gli aprisse la porta. Verificata l’assenza di un microchip, i volontari sono giunti alla conclusione si tratti di un gatto abbandonato da vecchi proprietari, poiché la docilità, le condizioni di salute e il buono stato del manto escluderebbero un’intera esistenza da randagio.

Il fatto incredibile, però, è notare come l’area sia priva di colonie feline e come in zona nessuno abbia denunciato la scomparsa di un felino, evidenze che hanno portato all’ipotesi il gatto abbia raggiunto volontariamente la zona, forse attirato dal profumo di qualche prelibatezza o dal riconoscimento degli odori tipici degli altri mici ospitati. Pare, inoltre, che il felino si sia nascosto per diverso tempo nell’erba alta, per uscire allo scoperto soltanto durante le operazioni di taglio, mosso dalla sete.

L’animale, una femmina ribattezzata Barney, si caratterizza per un meraviglioso manto rosso, l’aspetto pacifico e l’ottima convivenza con gli altri esemplari della struttura. Vive ora in una delle tre casette feline presenti del Tierschutzverein für Berlin – questo il nome del rifugio – ed è in attesa che qualcuno pensi per lui a una nuova casa. Per quanto i volontari si siano subito affezionati al micione e alla sua singolarissima storia, infatti, l’animale è stato dichiarato adottabile ed è in cerca di una famiglia che lo possa amare. Probabilmente di razza Scottish Fold, l’esemplare ha all’incirca 4 anni e gode di una perfetta salute.

19 giugno 2014
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, venerdì 20 giugno 2014 alle22:32 ha scritto: rispondi »

Mica stupida la "ragazza" . Sempre più convinto che i gatti sono fra gli animali maggiormente intelligenti.

Lascia un commento