Non servono TG, applicazioni aggiornate in tempo reale, amuleti, talismani e vecchi rimedi della nonna: per predire correttamente il meteo basta il gatto. Sì, il felino più amato sarebbe una stazione meteorologica vivente: con il suo comportamento, sarebbe in grado di segnalare con largo anticipo una giornata di sole o l’arrivo di un violento temporale.

Di evidenze scientifiche ovviamente non ve ne sono, sebbene la scienza abbia a lungo analizzato le peculiarità degli animali domestici di avvertire con un certo anticipo alcuni fenomeni climatici, tra alluvioni e terremoti. In questo caso, però, si fa affidamento alle leggende popolari e a secoli di convivenza con l’uomo. Insomma, se il micio sia un affidabile meteorologo non è dato sapere, ma vale di certo la pena giocare e verificare se la tradizione trovi conferma nella realtà. E c’è chi, effettivamente, ha proposto di sostituire i gatti ad altri sistemi di predizione: nel 1883, il luogotenente H.H.C. Dunwoody propose di ospitare felini sulle imbarcazioni militari, perché a suo dire molto più affidabili di tanti esperti.

Non è però tutto, perché vi sarebbe una lunga serie di atteggiamenti codificati del gatto che potrebbero davvero indicare l’arrivo di nuvoloni carichi di pioggia. Di seguito i più famosi, raccolti anche in molti proverbi:

  • Starnuto: quando il gatto starnutisce, indicherebbe l’arrivo della pioggia;
  • Vento: dopo la pioggia, si osservi la direzione del gatto nelle fasi di pulizia. Leggenda vuole che da quel punto cardinale inizierà a soffiare il vento;
  • Russare: quando il gatto russa durante il sonno, il maltempo sarebbe in agguato;
  • Orecchie: la pioggia non sarebbe molto lontana, se il micio di casa inizia a pulirsi freneticamente le orecchie con le zampette;
  • Temporale: il gatto riposa con il ventre in mostra? Un temporalaccio sarà certamente in arrivo;
  • Fuoco: quando il gatto dà le spalle a una fonte di calore, ad esempio un camino o un termosifone, l’inverno starebbe per finire.

Tra leggende e credenze popolari, chissà che non vi sia un fondo di verità a queste usanze, di fatto più simpatiche che comprovate. E voi, avete mai notato delle capacità predittive nel vostro micio?

18 febbraio 2014
Fonte:
Lascia un commento